fbpx

I TIPI DI PANE

ASCOLTA IL TESTO

da Artist Name

Pratichiamo!

RISPONDI ALLE SEGUENTI DOMANDE

  1. Nel testo ci sono delle espressioni, delle parole o\e dei verbi che non conosci? Scrivili nel tuo quaderno di italiano, cerca il loro significato nel dizionario, infine scrivi una frase con ciascuno di essi;
  2. Ti piace il pane? Quanti tipi di pane esistono nel tuo paese?
  3. Hai mai mangiato uno dei tanti tipi di pane italiano? Se sì, quale?
  4. Che cosa si intende per pani speciali?

SCRIVI LE RISPOSTE NEL TUO QUADERNO DI ITALIANO, DURANTE IL TUO PROSSIMO INCONTRO CON L’INSEGNANTE DI ITALIANO LEGGERAI LE TUE RISPOSTE E DISCUTERETE INSIEME.

I VARI TIPI DI PANE IN ITALIA

pani tradizionali italiani sono di oltre 250 tipi diversi, con oltre mille varianti, che vanno dalle isole alle Alpi. Sono pani più o meno noti, confezionati da piccole comunità, cotti nel forno a legna, che varrebbe la pena conoscere e scoprire.
Le varietà di pane presenti nelle varie regioni italiane sono infatti molto numerose e in ogni area vengono impiegati gli ingredienti a disposizione. Ad esempio, nelle regioni del Meridione d’Italia viene impiegata, per la panificazione, la farina di grano duro che è tradizionalmente usata per la pasta. E’ un tipo di coltivazione meno diffusa perché richiede climi caldi ed è tipica delle regioni dove il clima è mite. Il pane preparato con la farina di grano duro ha una consistenza più leggera rispetto a quello confezionato con la farina di grano tenero. In Sicilia la superficie del pane di semola di grano duro viene aromatizzata con i semi di cumino, di sesamo o di anice. I semi di anice sono usati anche dai maestri fornai pugliesi per la preparazione dei taralli.
In altre regioni, come ad esempio in Lombardia, dove la risicoltura è praticata intensivamente, il pane di riso, leggero e morbido, viene preparato con la farina di grano tenero mescolata alla farina di riso, che gli conferisce una consistenza particolarmente leggera.
In altre zone dove è diffusa la coltivazione del mais, ad esempio nell’Emilia Romagna e in Lombardia, si usa tutt’ora preparare il “pane giallo“; certe panetterie lo propongono una volta alla settimana ed è fatto con un’alta percentuale di farina di mais, mescolata alla farina di grano. Il pane con le olive è una specialità tipica delle regioni mediterranee, soprattutto nel Sud Italia, e ora si è diffusa in tutto il territorio nazionale.
Il pane con la farina di segale è tipico delle regioni di montagna, poiché la segale è un cereale che per essere coltivato sopporta meglio un clima più freddo, per questa ragione il pane di segale è tipico della Valle d’Aosta, del Piemonte, del Trentino Alto Adige, e della Valtellina (in Lombardia).
Il pane preparato con la frutta come l’uva passa, i fichi secchi, le noci, il mosto d’uva quando è la stagione, è particolarmente energetico e adatto per la merenda e per la prima colazione.
Pani speciali vengono preparati per occasioni come la Pasqua, come per esempio in Umbria e in Basilicata, oppure per feste e matrimoni, come per esempio in Sardegna.

LESSICO

 

Nella vita quotidiana gli italiani che si recano nella panetteria vicino a casa, generalmente non conoscono i nomi di tutti i tipi di pane, allora i tipi di pane vengono nominati con il nome della loro forma, per esempio:

 

PANE

BAULETTO

TRECCIA

BASTONCINO O FILONE

PANE

BAULETTO

LA TRECCIA

FILONE O BASTONCINO

CIAO BELLA!

Ciao!

Anche in questa lezione impariamo qualcosa di nuovo: i significati del saluto “Ciao bella”.

Sei pronto?

Iniziamo!



SUGGERIMENTO: ascolta il podcast, leggi i contenuti della lezione, leggi il testo e fai gli esercizi. Sei qui per migliorare, imparare, ripassare… sfrutta al meglio questa opportunità! 😉

OBIETTIVO: imparare le forme di saluto formali e informali.


LABORATORIO DI ASCOLTO

“Ciao bella!” è una forma di saluto più usata dagli stranieri che dagli italiani.

 


CIAO BELLA!

CIAO TESORO!

CIAO CARA!

CIAO AMORE!

sono formule di saluto informali e amichevoli.


ESPRESSIONI NUOVE!

 

DI FIDUCIA

-Una persona della quale ci fidiamo

Il parrucchiere di fiducia

Il pizzaiolo di fiducia

Il macellaio di fiducia

-Quando voglio mangiare una buona pizza, vado dal mio pizzaiolo di fiducia.

MANCARE DI RISPETTO

-Non mostrare la dovuta deferenza

Se saluti una persona che non conosci con un “ciao bella!” le manchi di rispetto

 

PER OBBLIGO  qualcosa che dobbiamo fare OBBLIGATORIAMENTE

usiamo anche l’espressione PER FORZA \ ESSERE OBBLIGATO

-Devi studiare per forza?

-Dobbiamo studiare obbligatoriamente;

PER +  obbligo, amore, soldi, convenienza, \ + VERBO ALL’INFINITO

Usiamo la preposizione PER per indicare CAUSA, FINE, SCOPO

-Vado a Milano per lavoro;

-Lavoro solo ed esclusivamente per soldi;

-Mi sposo per soldi.


 

PRENDERE CONFIDENZA = familiarità, fiducia

-Ho preso confidenza con la lingua italiana;

-Io e il nuovo capo abbiamo preso un po’ di confidenza.

PRENDERSI DELLA CONFIDENZA= trattare con poco rispetto, dire cose o compiere atti non convenienti verso una persona:

-giovanottonon si prenda troppe confidenza!

ESSERE IN CONFIDENZA = avere fiducia, familiarità

-Io e Paolo siamo in confidenza.

VECCHIOTTE 

Diminutivo di vecchie 

VEZZEGGIATIVO \ DIMINUTIVO = aggettivo – che tende a vezzeggiare\ diminuire

amore- amorino;

Tesoro- tesorino, tesoruccio;

Farfalla- farfallina.

NOMIGNOLO = soprannome scherzoso spesso formato sulla deformazione del nome

Tesoruccio mio;

Pulcino mio.


VOCABOLARIO

NUBILE = stato civile della donna che non è sposata.

CELIBE = stato civile dell’uomo che non è sposato.


 

 





PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

LA FESTA DELLA REPUBBLICA

Ciao!


ASCOLTA IL PODCAST

“La festa della Repubblica”

 


LEGGI IL TESTO

“L’INNO DI MAMELI”

Breve storia dell’Inno di Mameli

L’Inno di Mameli, scritto nel 1847 dal poeta e patriota Goffredo Mameli (Genova 1827-Roma 1849) e messo in musica 2 mesi dopo da Michele Novaro (Genova 1822-ivi 1885), accompagnò le iniziative unitarie italiane a partire dai moti del 1848, ai quali partecipò lo stesso Mameli.
Il fervore patriottico che lo contraddistingue lo rese l’inno più amato del Risorgimento italiano, tanto che il primo biografo di Cavour e Vittorio Emanuele II, Giuseppe Massari, lo definì il vero e proprio Inno Nazionale; Giuseppe Verdi doveva evidentemente essere della stessa opinione quando lo inserì, a rappresentanza dell’Italia, nell’Inno delle Nazioni da lui composto in occasione dell’Esposizione Universale di Londra del 1864.
Il 12 ottobre 1946 l’Inno di Mameli, soppiantando la Marcia Reale, divenne l’Inno Nazionale della Repubblica Italiana.

TESTO TRATTO DA: http://www.bandieraitaliana.com/inno.html


INNO DI MAMELI

Il testo integrale dell’inno

ASCOLTA IL TESTO ⇒ INNO DI MAMELI

Fratelli d’Italia
L’Italia s’è desta,
Dell’elmo di Scipio
S’è cinta la testa.
Dov’è la Vittoria?
Le porga la chioma,
Ché schiava di Roma
Iddio la creò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.
Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
Bandiera, una speme:
Di fonderci insieme
Già l’ora suonò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.
Uniamoci, amiamoci,
l’Unione, e l’amore
Rivelano ai Popoli
Le vie del Signore;
Giuriamo far libero
Il suolo natìo:
Uniti per Dio
Chi vincer ci può?
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.
Dall’Alpi a Sicilia
Dovunque è Legnano,
Ogn’uom di Ferruccio
Ha il core, ha la mano,
I bimbi d’Italia
Si chiaman Balilla,
Il suon d’ogni squilla
I Vespri suonò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.
Son giunchi che piegano
Le spade vendute:
Già l’Aquila d’Austria
Le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia,
Il sangue Polacco,
Bevé, col cosacco,
Ma il cor le bruciò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò


 

Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.


 

+ cultura: il 25 aprile

Il 25 aprile

LEGGI IL TESTO

Il 25 aprile è la festa della Liberazione dal nazifascismo, giorno che viene festeggiato ogni anno in tutta Italia con eventi, concerti e manifestazioni. Una festa per ricordare un passato orribile terminato 72 anni fa.

l 25 aprile 1945 segna la vittoria della Resistenza Italiana sui nazifascisti . Quel giorno la città di Milano, sede del comando partigiano, insorge e prende il sopravvento sui fascisti. Anche Torino viene liberata. Ormai la maggior parte d’Italia è liberata e la guerra è sta per finire. Il 28 aprile Mussolini verrà catturato e giustiziato.

I tedeschi si arrenderanno l’8 maggio, mentre i giapponesi lo faranno il 2 settembre di quello stesso anno.

La Resistenza, insieme agli Alleati, ha combattuto a lungo per sconfiggere i fascisti e i nazisti: persone di tutte le estrazioni sociali e di varie vedute politiche si sono unite per ribellarsi alla dittatura. La loro lotta si è tradotta in una vera e propria guerra civile che da una parte vedeva gli italiani fascisti e dall’altra gli antifascisti.

Chi combatteva nella Resistenza era un partigiano: i partigiani non erano un esercito vero e proprio, ma erano civili che si armavano come potevano e si riunivano in gruppi per attaccare in ogni modo il nemico. Le loro azioni si affiancavano a quelle consistenti degli eserciti alleati e uniti riuscirono a vincere.

 

I partigiani e tutte le parti che si opponevano ai nazifascisti (cattolici, comunisti, liberali, socialisti, azionisti, monarchici, anarchici) erano riuniti nel Comitato di Liberazione Nazionale . Dopo la guerra, questo Comitato partecipò attivamente alla nascita della Repubblica.

 Grazie alla lotta unita fra tutti gli oppositori al fascismo, si è riusciti a ribaltare la dittatura e a porre le basi per uno stato democratico. Le radici della Repubblica Italiana sono da rintracciare proprio nella Resistenza: l’Assemblea Costituente (l’assemblea che scrisse la nostra Costituzione) fu in massima parte composta da esponenti dei partiti che avevano dato vita al CLN, i quali scrissero la Costituzione fondandola sulla sintesi tra le rispettive tradizioni politiche ed ispirandola ai princìpi della democrazia e dell’antifascismo.

Ogni anno è importante festeggiare la libertà e la democrazia conquistate in quella giornata . Un modo molto bello di festeggiare è andare nei cortei che manifestano nelle varie città italiane. In strada le persone cantano, sventolano bandiere e celebrano con gioia e allegria la liberazione.

 

In queste manifestazioni si possono ancora trovare (ma purtroppo sempre di meno!) i partigiani. Bambini, donne e uomini camminano a fianco di questi vecchietti arzilli e fieri che hanno combattuto per permettere a tutti noi di avere una vita migliore. Non a caso le persone in strada stringono loro la mano e li applaudono per ringraziarli. È un momento molto commovente ed emozionante.

Oltre alle manifestazioni si possono seguire alcuni gruppi che vanno nei luoghi storici della città per sostituire le corone di alloro commemorative per i caduti della guerra . Non solo si possono incontrare i familiari di chi ha partecipato in prima persona alla Resistenza, ma si possono anche scoprire monumenti e luoghi dove si è scritta la storia del nostro Paese . Magari ce n’è uno vicino a casa vostra e non ve ne siete mai accorti!

Insomma, non ci resta che augurarvi un bellissimo settantesimo anniversario del 25 aprile con la canzone storica dei partigiani, Bella ciao , reinterpretata dal gruppo Modena City Ramblers : una canzone triste cantata, questa volta, con allegria. Buona festa della Liberazione a tutti!

TRATTO DA: http://www.focusjunior.it/scuola/storia/25-aprile-w-la-festa-della-liberazione


1. LABORATORIO LINGUISTICO?️ (CONVERSAZIONE)

ESERCIZIO

  1. DOPO AVERE LETTO IL TESTO ANNOTTA TUTTE LE PAROLE E LE ESPRESSIONI CHE NON CAPISCI (DISCUTERAI DI ESSE DURANTE LA TUA PROSSIMA LEZIONE SKYPE);
  2. PREPARA UNA PRESENTAZIONE ORALE RISPONDENDO A QUESTE DOMANDE: -Che cosa è successo il 25 Aprile del 1945? Perché gli italiani festeggiano questa ricorrenza?

PREPARA LA TUA PROVA DI CONVERSAZIONE

1. RICORDATI CHE QUANDO PARLI DEL PASSATO (fatti accaduti e ormai conclusi) DEVI USARE: PASSATO REMOTO o PASSATO PROSSIMO:

“Nel 1945 ci fu la guerra”

“Nel 1945 c’è stata la guerra”


?Consiglio:

Se vuoi parlare un italiano davvero eccellente, quando parli di fatti storici, usa il passato remoto.


2. CHE COSA è SUCCESSO?

A QUESTA DOMANDA RISPONDIAMO:

-è successo che \ successe che…

“è successo che gli americani hanno invaso la Libia”

“successe che gli americani invasero la Libia”

-C’è stato \ ci fu…

“Ci fu l’invasione della Libia da parte degli americani”

“Nel 1914 c’è stata l’invasione della Libia da parte degli americani”


2. ASCOLTA, PRATICA…

“Esecuzioni, torture, stupri Le crudeltà dei partigiani

La Resistenza mirava alla dittatura comunista. Le atrocità in nome di Stalin non sono diverse dalle efferatezze fasciste. Anche se qualcuno ancora lo nega…”

VOCABOLARIO

 

EFFERATEZZE: particolare ferocia, crudeltà, violenza dura, violenza atroce

“Siamo stanchi delle efferatezze che tutti i giorni dobbiamo subire”

A CONTI FATTI: considerando tutti i fatti accaduti

“A conti fatti mi resi conto che avevo sbagliato”

ECCESSI: quantità eccessiva

“C’è un eccesso di potere, dobbiamo fermarlo”

ABERRAZIONI: deviazione da un principio costituito, da una norma, dalla normalità

“è un uomo capace di qualsiasi aberrazione”

NEGARE: dichiarare che un fatto non è vero

“Hanno negato di essere stati violenti”

BUGIARDA \o \ i \ e: qualcuno che non dice la verità, una persona che dice menzogne, una persona che dice bugie

“I politici sono tutti bugiardi”


3. LABORATORIO LINGUISTICO ?️ (CONVERSAZIONE)

PREPARATI PER LA TUA PROSSIMA LEZIONE SKYPE

ESERCIZIO 

  1. DOPO AVER ASCOLTATO BENE IL PODCAST, PREPARA UNA LISTA DI TUTTE LE PAROLE E DI TUTTE LE ESPRESSIONI CHE PER TE SONO NUOVE E DELLE QUALI NON SAI IL SIGNIFICATO (PARLERAI DI ESSERE CON LA TUA INSEGNANTE DURANTE IL VOSTRO PROSSIMO INCONTRO).
  2. PREPARA UNA PRESENTAZIONE ORALE RISPONDENDO A QUESTE DOMANDE: “Di che cosa si parla nel podcast?” – “Quali sono gli aspetti negativi della resistenza?”

PER PARLARE…

Per preparare la tua presentazione puoi usare queste espressioni:

Il podcast parla di…

Nel podcast si parla di…

Esempi:

Il podcast parla di cucina vegetariana;

Nel podcast di oggi si parla di cucina vegetariana.


Quando dobbiamo dire di che cosa si parla precisamente e quando dobbiamo dire qual è l’argomento (aspetto, fatto) più importante:

METTERE IN LUCE

“Nel podcast di oggi si mettono in luce gli aspetti negativa della lotta partigiana”

METTERE L’ACCENTO SU

“Nel podcast di oggi si mette l’accento sugli aspetti negativa della lotta partigiana”

EVIDENZIARE

“Nel podcast di oggi si evidenziano gli aspetti negativa della lotta partigiana”

EMERGERE

“Nel podcast di oggi emergono gli aspetti negativa della lotta partigiana”


 

+ Laboratorio di conversazione: lavorare in Italia

LEGGI IL TESTO

Meno giovani a casa e numeri un pochino meno foschi dal fronte della disoccupazione. E Matteo Renzi esulta su Twitter. Nel secondo trimestre, secondo quanto comunicato dall’Istat, sale l’occupazione in Italia e prosegue, a ritmo più sostenuto, il calo degli inattivi soprattutto per la componente degli «scoraggiati», cioè di coloro che smettono di cercare un’occupazione. Nel periodo aprile-giugno gli occupati sono aumentati di 189.000 (+0,8%) rispetto al trimestre precedente, specie nel Mezzogiorno (+1,4%) e «con una dinamica positiva che, con diversa intensità, riguarda tutte le tipologie: i dipendenti a tempo indeterminato (+0,3%), quelli a termine (+3,2%) e gli indipendenti (+1,2%)», precisa l’Istituto di statistica. Su base annua si registrano 439.000 occupati in più, specie tra i giovani di 15-34 anni (+223.000) e dipendenti (+308.000 a tempo indeterminato, +72.000 a termine), ma l’aumento «torna ad interessare anche il lavoro indipendente, esclusivamente tra gli autonomi senza dipendenti». «Dati ufficiali Istat di oggi: nel secondo trimestre più 189mila posti di lavoro. Dall’inizio del nostro Governo: più 585mila». Lo sottolinea su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi commentando il rapporto diffuso oggi dall’istituto nazionale di statistica: «Il #JobsAct – è il commento che ricava dai numeri il capo del Governo – funziona».

ADATTATO DA www.corriere.it


 

LESSICO

MOTIVAZIONE:

La motivazione = ha lo stesso significato di motivo.

MOTIVO:

Il motivo

Ragione, presupposto per il quale si produce una determinata conseguenza:

  • la lite scoppiò per futili motivi;
  • il tuo comportamento è motivo di scandalo;
  • è mancato da scuola per motivi di salute.

|| A motivo di, a causa di:

A causa della forte pioggia non siamo potuti partire.
|| Dare motivo, causare; dare adito:

Con il suo comportamento ha dato motivo di sospetto
|| Motivo per cui, per la quale ragione:

Il motivo per cui non vengo al tuo matrimonio lo sappiamo tutti.
|| Per questo motivo, a causa di ciò:

Per questo motivo non verrò al tuo matrimonio.
|| Senza motivo, irragionevole; irragionevolmente:

Matteo è andato via senza motivo.

|| Dare un motivo:

Dammi un motivo per restare qui.


ESSERCI UN MOTIVO:

-Non c’è un motivo preciso;

-Ci deve essere un motivo se Matteo si comporta così.


IL MOTIVO + ESSERE + DI + CARATTERE

-Il motivo è di carattere politico;

-Il motivo è di carattere generale.

LAVORARE IN, A, COME:

-Lavoro come impiegata in un ufficio postale.

-Quale ufficio?

-All’ufficio postale di Via Decarolis.


ESSERE DISOCCUPATO:

-Sono disoccupato da due anni.

AVERE \ NON AVERE UN LAVORO:

-Non ho un lavoro.

LAVORO NERO: lavorare senza un contratto regolare.

-Per il momento lavoro in nero.

AVERE UN CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO: contratto con una scadenza determinata

2 mesi, 3 mesi, 4 mesi.

-Lavoro come insegnante all’università degli studi di Palermo.

-In quale facoltà?

-Nella facoltà di giurisprudenza, ma ho un contratto a tempo determinato, solo 6 mesi poi il contratto scade.

SCADENZA DEL CONTRATTO: quando il contratto finisce.

-Il mio contratto è scaduto lo scorso giugno.

IL CONTRATTO SCADE IL:

-Il contratto scade il 7 marzo.

IL CONTRATTO SCADE FRA:

-Il contratto scade fra tre mesi.

RINNOVO DEL CONTRATTO:

-Il mio contratto scadrà a luglio ma sarà rinnovato a settembre.

AVERE UN CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO: lavoro fisso con un contratto che non ha una scadenza.

-Lavoro come infermiera professionale all’ospedale civile di Roma, ho un contratto a tempo indeterminato.

LAVORARE A GIORNATE: lavorare solo qualche giornata, non c’è un contratto fisso.

-Lavoro a giornate all’università di Roma.

LAVORARE AD ORE: lavorare per poche ore, non c’è un contratto.

-Lavoro ad ore in un ristorante.

LAVORARE PART-TIME: lavorare mezza giornata, generalmente 4 ore al giorno.

LAVORARE FULL-TIME: lavorare tutto il giorno, lavorare per 8 ore al giorno.

AVERE 1 GIORNO LIBERO A SETTIMANA: o giorno di riposo, o giorno libero.

-Il mio giorno di riposo è il venerdì.

LAVORARE ANCHE IL FINE SETTIMANA: lavorare il sabato e la domenica.

-Io lavoro anche il sabato e la domenica.

LAVORARE TUTTI I GIORNI: lavorare dal lunedì alla domenica.

-Io lavoro tutti i giorni per tutto il giorno.

LAVORARE TUTTO IL GIORNO: lavorare otto ore al giorno.

-Io lavoro tutto il giorno.


 

PREPARATI PER LA CONVERSAZIONE…

Che tu debba prepararti per la prova di conversazione CILS, che tu debba prepararti per praticare con il tuo insegnante o per un esame universitario, queste sono le cose che devi fare:

  • Leggi bene la consegna dell’esercizio;
  • Scrivi in un foglio quello che vuoi dire;
  • Leggi ad alta voce ciò che hai scritto;
  • Ripeti ad alta voce cercando di non leggere, davanti a uno specchio oppure registrando la tua voce per poi riascoltarla.
  • Assicurati di rispondere bene alla domanda;
  • Non studiare a memoria la risposta;
  • Impara il lessico specifico relativo all’argomento;
  • Evita di ripetere spesso le stesse parole, cerca dei sinonimi;
  • Non dire: Non lo so! (spesso gli studenti dicono di non sapere niente sull’argomento trattato durante la prova di conversazione, evita di dire che non lo sai, usa la tua fantasia e parla. Le prove di conversazione servono per stimolarti a parlare.

Com’è la situazione lavorativa nel tuo paese? Ci sono cervelli in fuga?

Prepara un discorso di almeno 5 minuti, poi presentalo alla tua insegnante durante il vostro prossimo incontro su skype (se sei già iscritto a uno dei nostri corsi). Altrimenti prenota la tua lezione skype con il tuo insegnante madrelingua PRENOTA LA LEZIONE

 

N.B.

PER AVERE INFORMAZIONI SULLA SITUAZIONE LAVORATIVA NEL TUO PAESE, LEGGI QUALCHE ARTICOLO RIGUARDANTE IL TEMA DELLA DISOCCUPAZIONE.

In pescheria

LESSICO

VOCABOLARIO

 

INVITARE A CENA

Chiedere a qualcuno di partecipare a un incontro, a un evento piacevole e gradito:

-Invitare a cena;

-Invitare gli amici a pranzo;

-Paolo mi ha invitata in ristorante;

ESSERE INVITATO A CENA

-Sono invitato a cena da Luca;

-Siete invitati a cena da qualche parte?

AVERE QUALCUNO A CENA

-Stasera ho i miei amici a cena;

-Domani abbiamo degli amici a cena.

PRENOTARE

Fissare anticipatamente un oggetto o un servizio per assicurarsene la proprietà o l’uso:

-Ho prenotato la cena in ristorante;

-Abbiamo prenotato l’appuntamento dal parrucchiere.

PRENOTARE PER TELEFONO \ per messaggio \ per email

-Ho prenotato la cena per telefono.

PRENOTARE DI PERSONA

-Abbiamo prenotato di persona.

PRENOTARE A VOCE

-Avete prenotato a voce o per messaggio?

ORDINARE

Richiedere, in un locale pubblico, in un negozio, in una pizzeria, in un bar ciò che si intende consumare:

-Ho ordinato due chili di pesci, dopo vado a ritirarli;

-Abbiamo ordinato due caffè e un bicchiere d’acqua.

ORDINARE A VOCE

-Ho ordinato due chili di polpi a voce.

ORDINARE PER TELEFONO

-Ho ordinato due chili di pane per telefono.

ORDINARE DI PERSONA

-Sono andate di persona in ristorante e ho ordinato due tavoli.

ORDINARE PER CENA, PRANZO, COLAZIONE

-Per cena abbiamo ordinato due piatti di pasta;

-Per pranzo abbiamo ordinato del pesce.

RITIRARE

Andare e portare a via ciò che si è ordinato:

-Ho ordinato due chili di cosse, vado a ritirarli dopo;

-Abbiamo ordinato due chili di polpi e due chili di gamberi, li ritiriamo stasera.

CENA A BASE DI CARNE, PESCE…

-Stasera faremo una cena a base di pesce.


Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



 

+ cucina: la pasta alla carbonara

 

PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

+ italiano: augurare \ augurarsi

Ciao!

In questa lezione impareremo a usare i verbi augurare e augurarsi e usarli con il congiuntivo.


AUGURARE + PRONOME INDIRETTO

Manifestare (esprimere, dimostrare) a qualcuno il desiderio che accada qualcosa di favorevole o che qualcosa si compia lietamente:

-Augurare buone feste;

-Augurare buone vacanze;

-Gli auguriamo di trovarsi bene;

-Le auguriamo di avere un buon parto.


AUGURARSI + PRONOME DIRETTO DOPPIO

-Spero che tutto vada bene, sono molto preoccupato.

Te lo auguro, vedrai che andrà tutto bene (che cosa? che tutto vada bene).

-Giuseppe si augura di trovare presto un buon lavoro.

Glielo auguriamo anche noi, poverino, è da tanto che aspetta.


 

AUGURARSI

Sperare per sé o per altri:

Io mi auguro

tu ti auguri

Lui si augura

Lei si augura

Noi ci auguriamo

Voi vi augurate

Loro si augurano

 

-Mi auguro di essere promosso;

-Ti auguro di guarire presto;

-Si augura di vederci presto.


AUGURARSI + CHE + CONGIUNTIVO

-Mi auguro che tutto vada bene;

-Ti auguro che l’esame sia andato bene;

-Ci auguriamo che i nostri figli si sposino presto;

-Vi auguriamo che le vostre figlie guariscano presto.


AUGURARSI + DI + VERBO ALL’INFINITO

-Mi auguro di arrivare in orario;

-Ci auguriamo di tornare presto;

-Si augura di trovare un buon lavoro;

-Vi augurate di trovare un buon marito.


Possiamo esprimere le stesse idee con i verbi: sperare, desiderare, auspicare:

  • Spero che i miei figli trovino un buon lavoro;

DESIDERARE + CHE + CONGIUNTIVO

-Desidero che i miei figli si sposino presto;

-Desidero che tu sia felice;

-Desidero che mio marito torni presto a casa.

DESIDERARE + VERBO ALL’INFINITO

-Desidero dimagrire;

-Desidero avere una casa più grande;

-Desidero un figlio;

-Desidero sposarmi.

AVERE IL DESIDERIO DI + VERBO ALL’INFINITO

-Ho il desiderio di dimagrire;

-Ho il desiderio di mangiare una buona pizza;

-Abbiamo il desiderio di vedervi.


Leggi il testo…

“Una lettera di una mamma a suo figlio”

Dedicato (non solo) a te… Dolcissimo tesoro mio, ti auguro di entrare da quel portone portando con te tutto il tuo entusiasmo e la tua fantasia e che loro possano colorare l’aula in cui siederai; non importa se sarai timido, credimi, la tua timidezza è un dono, ricordalo! Ti auguro di potere sentire il profumo delle merende, l’odore delle gomme e di incantati dinnanzi a un’illustrazione del tuo primo libro di lettura, perché saranno i tuoi ricordi, parte della tua storia. Ti auguro di sentire il piacere di scrivere sulla lavagna e non importa se scriverai facendo errori, perché se corretti e compresi gli errori non si commettono più con facilità …ti auguro di incrociare lo sguardo del tuo migliore amico e anche quello che un migliore amico non è riuscito ad averlo perché aspettava proprio il tuo… Ti auguro di provare il brivido d’essere il capo fila della tua classe per fare il capo treno del futuro e ti auguro d’essere l’ultimo della fila perché è bello seguire il futuro… Ti auguro di scrivere il tuo nome dritto dentro al rigo ma di saperlo fare uscire quando non ti piacerà ciò che gli altri fanno. Ti auguro di imparare a scrivere parole difficilissime, anche se senza doppie, ma fondamentali nel lessico del cuore, come coerenza, scusa, grazie, cambiamento… Ti auguro di perdere, perché le vittorie, che arriveranno, avranno un sapore unico, il tuo. Ti auguro di smarrire tra i banchi gli egoismi, la competitività e l’indifferenza e di trovare al posto loro l’accoglienza dell’altro e tu mi raccomando impegnati a cercarla! Ti auguro di conoscere tutte le sfumature di colori, comprese quelle della pelle, perché la pelle è di tinta neutra, ma può diventare di mille colori se ci si vuol bene! 

Mi auguro che sia un anno bello per tutti…

Auguri figlio mio!


Ascolta il podcast

“Ti auguro di essere felice, ma non più di me”


Pratichiamo!

AUGURARSI

Name Email
AUGURO A MIO FIGLIO CHE TUTTO VADA BENE
MI AUGURO CHE DOMANI CI SIA BEL TEMPO, VORREI ANDARE AL MARE.
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA

-Mio figlio domani farà l'esame di laurea, spero che tutto vada bene
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA

-Domani sarà il mio primo giorno di scuola, mi auguro di non arrivare in ritardo
CHE COSA TI AUGURI PER IL FUTURO DEI TUOI FIGLI?

Scrivi un testo di almeno 120 parole

(se non hai figli crea il testo con un po' di fantasia)

Laboratorio di scrittura: descrivere il libro che hai letto

Ciao!

 

In questa lezione impareremo a descrivere il libro che hai letto.


LEGGI IL TESTO

L’ultimo libro che ho letto è scritto dall’autore Nicolò Ammaniti, s’intitola “Io non ho paura”. Il libro è stato pubblicato dall’Einaudi/Mondadori del 2001. È un libro  d’avventura drammatico.

Il racconto inizia con la gara tra Michele e i suoi amici nei campi di grano del paese di Acqua Traverse.

Siamo nel 1978, è estate, con un  caldo torrido. Il calore  entra  nelle pietre, la terra si sbriciola, il respiro è faticoso ed è difficile sopportare la calura tanto che gli adulti nel pomeriggio rimangono  rintanati in casa, uscendo solo nelle ore serali quando la temperatura diminuisce. Michele Amitrano, il protagonista, per difendere una ragazza del gruppo, togliendola da un grosso imbarazzo(doveva abbassare le mutande) si propone per eseguire la penitenza.:arrivare al piano superiore di una casa diroccata e disabitata senza poter utilizzare ne le scale, ne i gradini  ridotti a un ammasso di pietre.

Dopo notevoli difficoltà,riesce a salire aggrappandosi ai rami di fico;arrivato ad davanzale della casa deve buttarsi per proseguire, e uscire dalla stessa,ma cade a terra in malo modo. Il ragazzo ha per pochi attimi paura, ma riesce poi a muoversi, si guarda intorno e percepisce di essere caduto su una tettoia trasparente ricoperta da un materasso, al di sotto intravvede un buco profondo.

Con grande stupore tra sporcizia e rifiuti di ogni genere,nota delle sembianze umane: si tratta di un bambino raggomitolato su se stesso.

Forse dorme, forse è morto…ma mentre riflette viene chiamato dagli amici e con loro ritorna a casa.

Davanti alla casa ,Michele trova il “lupetto Fiat”usato dal padre per lavorare al Nord.,con gioia accoglie il genitore che mostra un regalo:una gondola veneziana con i remi,da lasciare come soprammobile sopra la televisione.

Nella notte,Michele ripensa con angoscia al ragazzo imprigionato nel buco.e ritorna sul luogo per verificare quello che il giorno prima aveva visto.

E’ tutto vero il bambino è lì, incatenato e chiede con insistenza dell’acqua.Inizia così un rapporto di aiuto amicizia, anche se rimane stupito e a volte impressionato dai discorsi del ragazzo.

Cerca di confidarsi con il padre ,ma capisce che c’è qualcosa di oscuro,di misterioso di ingiusto,e che la sua famiglia è complice di un un grave fatto: il rapimento di Filippo Carducci.

Intanto il padre riferisce che arriverà un suo amico che per un certo periodo abiterà con loro,con grande scontento di Michele,che per una leggerezza infantile confida al cugino di aver trovato un bambino racchiuso in una buca circondato da sporcizia e desolazione,racconta anche del proposito crudele del padre e dell’amico di tagliare le orecchie al rapito.

Ritornato sul luogo del sequestro, cerca di confortare il bambino e lo porta all’aperto riuscendo anche a farlo camminare,sono diventati amici .

Ma improvvisamente compare Felice(un complice dei sequestratori) che lo minaccia con un fucile e strattonandolo lo costringe ad allontanarsi.Riferirà tutto al padre,il quale gli chiede una promessa:non deve più vedere il bambino ,altrimenti verrà ucciso.

Michele pur con difficoltà e ripensamenti cerca di mantenere la promessa, finché  capisce che è arrivato un momento decisivo e grave, sente infatti delle minacce di morte per il bambino rapito e senza il minimo dubbio corre a liberare il recluso.  .

 

 


Vocabolario ed espressioni utili

IL LIBRO CHE HO LETTO PARLA DI \ DEL \ DELLO\ DELLA\ DEGLI \ DEI

IL LIBRO CHE HO LETTO È DI + AUTORE

-Il libro che ho letto è di Niccolò Ammaniti

IL LIBRO È SCRITTO DA

-Il libro che ho letto è scritto da Niccolò Ammaniti

AUTORE

TITOLO

TRAMA, STORIA

IL RACCONTO SI APRE

IL RACCONTO INIZIA CON

PERSONAGGI

I PERSONAGGI SONO

CI SONO DUE, TRE, QUATTRO PERSONAGGI

IL PERSONAGGIO PRINCIPALE È

I PERSONAGGI SECONDARI SONO

IL RACCONTO È AMBIENTATO A \ IN \ NEL

Il racconto è ambientato a Roma;

Il racconto è ambientato in Germania;

Il racconto è ambientato nel 1970.

LA STORIA FINISCE MALE \ BENE

ALLA FINE DELLA STORIA

LA STORIA SI CONCLUDE 


CHE TEMPI VERBALI USARE?

Per raccontare possiamo usare il presente ma anche i tempi del passato:

Michele si alzava tutti i giorni alle 7:00 per portare da mangiare al bambino nascosto nel fosso.

Michele si alza tutti i giorni alle 7:00 per portare da mangiare al bambino nascosto nel fosso.


PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



+ italiano: lezione di meditazione

ASCOLTA IL PODCAST

“Meditazione per praticare la gratitudine e stare bene”


VOCABOLARIO ED ESPRESSIONI

SENTIRSI BENE

Stare bene

-Quando pratico la meditazione mi sento bene.

SENTIRSI MEGLIO

Stare meglio

-Quando faccio esercizio fisico sto meglio.

TROVARE LA PACE INTERIORE

Essere in pace con se stessi, stare bene

-Sono una persona serena, ho trovato la pace interiore.

ASCOLTARE QUOTIDIANAMENTE

Ascoltare ogni giorno

-Ascoltare quotidianamente un po’ di musica fa bene alla mente.

RIPETERE AD ALTA VOCE \ A BASA VOCE

Alta voce: con un tono di voce forte

Bassa voce: con un tono di voce sottile

-Parla a bassa voce, altrimenti disturbi il bambino che dorme;

-Non ti sento, parla ad alta voce.

PROVARE EMOZIONI

Esperienze eccitanti sia positive sia negative

-Quando faccio meditazione provo delle emozioni uniche.

DISTRARSI

Rivolgere il proprio pensiero da un’altra parte, non pensare ai problemi della vita

-Non pensare ai tuoi problemi, distraiti un po’.

 

AFFRONTARE UN PROBLEMA

Impegnarsi con coraggio, impegno per risolvere i propri problemi

-Affronto i miei problemi con coraggio e determinazione.

RISOLVERE UN PROBLEMA

Trovare la soluzione di qualcosa che è difficile

-Finalmente abbiamo risolto il problema, dopo una lunga ricerca abbiamo trovati i biglietti per andare a Roma.

ESSERE PAZIENTE

Qualcuno che ha pazienza, che affronta la vita senza lamentarsi

-Luigi è un uomo molto paziente e calmo, non si lamenta mai.

ESSERE GRATO

Che ricorda con gratitudine i benefici ricevuti

-Sono grato per i tuoi insegnamenti.

VIVERE IL MOMENTO PRESENTE

Non pensare al passato, vivere solo nel momento presente

-Non pensiamo più al nostro passato, viviamo il momento presente.

ESSERE CONCENTRATO

Assorto, attento

-Sono concentrato nello studio, mi voglio laureare al più presto.

ESSERE DETERMINATO

Assere deciso

-Luca è un ragazzo determinato, sa quello che vuole e si impegna per ottenerlo.

ACCETTARE SE STESSI

Accettare quello che si è, la propria vita, il proprio lavoro, accettare la realtà

-Accetto me stesso e la mia vita;

MEDITARE

La meditazione (dal latino meditatio, riflessione) è, in generale, una pratica che si utilizza per raggiungere una maggiore padronanza delle attività della mente, per calmare la mente.

CONCENTRARSI

Rivolgere la propria attenzione a qualcosa o a qualcuno:

-Concentrati sul tuo respiro.

ESSERE DISTRATTO

Non essere concentrato, avere poca attenzione:

-Luca non fa mai gli esercizi, è un ragazzo distratto.

RILASSARSI 

-Rilassati, non ti preoccupare.

RILASSARE QUALCOSA

-Rilassa i tuoi muscoli.

PREOCCUPARSI + PER +  QUALCOSA \ QUALCUNO

Trovarsi in uno stato di inquietudine, di apprensione, di ansia per qualcosa o per qualcuno:

-Si preoccupa per tutto, è un uomo molto ansioso;

-Mi preoccupo per te;

-Si preoccupano per il mio bene.

PREOCCUPARSI + DI + VERBO ALL’INFINITO

Darsi da fare con cura, impegnarsi:

-Preoccupati di cucinare bene;

-Preoccupiamoci di andare in orario.

ESSERE PREOCCUPATO + PER

-Sono preoccupato per il suo problema;

-Siete preoccupati per vostro figlio?

RESPIRARE

Compiere la funzione biologica della respirazione:

-Respirare con il naso;

-Respirare con la bocca.

CALMARSI 

Essere tranquillo

-Praticare la meditazione aiuta a calmarsi

CALMARE

|Rendere calmo, placare:

-Calmare un bambino;

-Calmare gli animi.

| Alleviare, lenire:

-Calmare un dolore.

LIBERARE LA MENTE DAI PENSIERI NEGATIVI \ PESANTI

-Praticare la meditazione aiuta a liberare la mente dai pensieri negativi

ESSERE NERVOSO

Che manifesta esternamente la propria tensione emotiva:

-Sono nervoso;

-Siete troppo nervosi, rilassatevi;

ESSERE STRESSATO

Essere esaurito, sfibrato:

-Sono stressato dal troppo lavoro.

ESSERE DEPRESSO

Essere giù di morale, essere triste:

-Sono depresso.


ESPRESSIONI UTILI

PER + VIVERE BENE \ MEGLIO \ SERENO \ TRANQUILLO + DOVERE + …

-Per vivere bene devi smettere di pensare al passato;

PENSARE AL PASSATO

-Pensi troppo al tuo passato, devi cercare di dimenticare.

LASCIARSI IL PASSATO ALLE SPALLE

Dimenticare il passato

-Lasciati il passato alle spalle, non pensare più a quello che è successo.

METTERE UNA PIETRA SOPRA

Dimenticare il passato

-Metti una pietra sopra il passato e vai avanti.

DIMENTICARE IL PASSATO \ QUALCUNO \ UN BRUTTO PERIODO \ UN BRUTTO RICORDO

-Dimentica il passato;

-Dimentica il tuo ex marito e continua a vivere;

 

AVERE PENSIERI POSITIVI \ NEGATIVI

-Giulia ha sempre dei pensieri positivi, è una ragazza molto positiva.

ANDARE AVANTI

Continuare, proseguire, andare avanti anche se le cose vanno male

-Noi andiamo avanti, dimentichiamo il passato e continuiamo a vivere.


PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

+ italiano: l’oroscopo

ASCOLTA IL PODCAST

“L’oroscopo del giorno”

 

L’oroscopo

L’oroscopo prevede il futuro della vita delle persone:

  1. AMORE
  2. LAVORO
  3. FAMIGLIA
  4. DENARO
  5. SALUTE

I SEGNI ZODIACALI: la suddivisione dello zodiaco in dodici parti ha origine nell’astrologia babilonese; le dodici suddivisioni si chiamano “segni” in quanto sono rappresentate ciascuna da un simbolo.

 


Il profilo dei segni zodiacali

Nati dal 21 marzo al 20 aprile

Caro Ariete, sei il primo segno dello zodiaco e hai sempre molta fretta di arrivare. Impulsivo, onesto, coraggioso e sincero, ti infiammi facilmente per situazioni e persone, ma, altrettanto rapidamente, perdi interesse. Cosa ti manca? La costanza e la pazienza!

Caro Toro, sei una persona affidabile, realista e con i piedi saldamente per terra. Non ti tiri mai indietro di fronte agli impegni e sei capace di resistere ad oltranza. Solo doveri? Per niente! Sei un entusiasta cultore di tutti i piaceri della vita, gola ed eros in primo luogo!

Chi dice Gemelli dice intelligenza. Vivace, abile, curioso, hai voglia di esplorare il mondo intero, di conoscere e di apprendere tutto. Il guaio? È che ti stanchi subito, e passi ad altro senza aver terminato. La tua dualità rappresenta la tua capacità di osservare entrambi i lati della medaglia: e non è da tutti!

Caro Cancro sei molto legato alla famiglia, all’infanzia, al passato. I ricordi sono per te importanti e li custodisci con gelosia. Intuitivo, fantasioso, molto sensibile: basta poco per offenderti e farti chiudere nel tuo guscio. Permaloso? Un tantino, caro Cancro …

Caro Leone: ambizioso e orgoglioso, nobile e fiero, e tanto generoso. Aspiri a comandare e ad avere il primato, ma sei altrettanto capace di donare e proteggere chi ti circonda. Sei stabile e concreto. Puoi peccare di egocentrismo ma ti si perdona davvero tutto!

Vergine, sei nato sotto il segno dei lavoratori, delle persone attente ai dettagli, dotate di realismo e a volte anche un po’ troppo puntigliose. Cerchi sempre il pelo nell’uovo e sei perfino capace di trovarlo, attento e scrupoloso come sei. L’insicurezza fa parte del tuo carattere, ma puoi vincerla.

Hai un gusto eccellente, caro Bilancia. L’equilibrio si riflette nei tuoi gesti, nei tuoi pensieri. Detesti rimanere da solo: sei nato per stare con gli amici, per amare un partner, per godere la vita nei suoi piaceri essenziali. Troppi dubbi? Già, decidere per te è sempre un dilemma!

Caro Scorpione, c’è qualcosa da scoprire? Con il tuo intuito che ha quasi del magico, con il tuo spirito critico e indagatore, arrivi in fretta alla soluzione. Sei combattivo, e le difficoltà non ti spaventano mai. Introverso e profondo, non apri facilmente le porte del tuo cuore, ma se accade, è per sempre, o quasi…

Caro Sagittario, hai un carattere aperto e simpatico. Sei di larghe vedute e la tua lungimiranza ti porta ad immaginare come potrebbe essere il futuro, che, per te, sarà sempre migliore del presente. Coltiva con cura il tuo cuore generoso e ottimista, ma non essere troppo ingenuo!

Caro Capricorno, sei il segno delle costruzioni lente e solide, delle vette, delle ambizioni e dei progetti grandiosi. Niente e nessuno può distoglierti dai tuoi obiettivi. Riservato e geloso della tua intimità, su di te si può sempre contare. Però, se fossi solo un pochino più aperto e meno serio…

Caro Acquario, adori fare amicizia, comunicare, essere in contatto. Sei socievole, ma in modo poco appariscente: nel senso che non fai parte della categoria dei grandi chiacchieroni ma degli amici disponibili e sinceri. Sei schietto, aperto ai cambiamenti e al futuro, e manchi del tutto di realismo. Beh, ma nessuno è perfetto!

Caro Pesci, dolce e tenero, sensibile e sognatore, hai un cuore grande come l’infinito che ti rappresenta e nel quale a volte ti perdi. L’insicurezza e i timori inspiegabili che ti assalgono derivano dalla percezione che tra te e il mondo esterno non esistono confini. Sei cioè, molto influenzabili, quindi occhio a chi frequentate!


Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



 

CREDERE NELL’OROSCOPO

Tu credi nell’oroscopo?

-No, non ci credo.

Voi credete nell’oroscopo?

-Sì, ci crediamo.


DI CHE SEGNO SEI?

Per rispondere a questa domanda generalmente usiamo:

ESSERE + SEGNO ZODIACALE

-Sono Pesci;

-Sono dell’Ariete;

-Sono del Cancro.

Oppure usiamo una formula più estesa:

ESSERE DEL SEGNO +  DEL \ DELLO \ DEI \ DELL’\ DELLA

-Sono del segno dei Pesci;

-Sono del segno della Vergine;

-Sono del segno dell’Ariete.

Oppure:

ESSERE NATO + SOTTO IL SEGNO + DEL \ DELLO \ DEI \ DELL’ \ DELLA

-Sono nato sotto il segno dei Pesci;

-Sono nato sotto il segno della Vergine;

-Sono nato sotto il segno del Cancro.

DEL DELLO DEI DELLA DELL’
TORO

CANCRO

LEONE

SAGITTARIO

CAPRICORNO

SCORPIONE

 

PESCI

GEMELLI

BILANCIA

VERGINE

ARIETE

ACQUARIO

 


 

I NATI DAL 21 MARZO AL 20 APRILE SONO DEL SEGNO DELL’ARIETE

I NATI DAL 21 APRILE AL 21 MAGGIO SONO DEL SEGNO DEL TORO

I NATI DAL 22 MAGGIO AL 21 GIUGNO SONO DEL SEGNO DEI GEMELLI

I NATI DAL 22 GIUGNO AL 23 LUGLIO SONO DEL SEGNO DEL CANCRO

I NATI DAL 24 LUGLIO AL 23 AGOSTO SONO DEL SEGNO DEL LEONE

I NATI DAL 24 AGOSTO AL 23 SETTEMBRE SONO DEL SEGNO DELLA VERGINE

I NATI DAL 24 SETTEMBRE AL 23 OTTOBRE SONO DEL SEGNO DELLA BILANCIA

I NATI DAL DAL 24 OTTOBRE AL 2 NOVEMBRE SONO DEL SEGNO DELLO SCORPIONE

I NATI DAL 23 NOVEMBRE AL 22 DICEMBRE SONO DEL SEGNO DEL SAGITTARIO

I NATI DAL 23 DICEMBRE AL 20 GENNAIO SONO DEL SEGNO DEL CAPRICORNO

I NATI DAL 21 GENNAIO AL 19 FEBBRAIO SONO DEL SEGNO DELL’ACQUARIO

I NATI DAL 20 FEBBRAIO AL 20 MARZO SONO DEL SEGNO DEI PESCI


PROFILO DEI SEGNI

-I nati sotto il segno dell’Ariete vivono le passioni amorose con trasporto;

-I nati sotto il segno dello Scorpione in amore sono molto passionali;

-I Gemelli sanno essere amanti brillanti e fantasiosi;

 

Картинки по запросу oroscopo i segni zodiacali

ESSERE FEDELE

Che non tradisce, che rispetta gli impegni:

-Paolo è un uomo fedele.

ESSERE POSSESSIVO

Che vuole solo per sé l’affetto delle persone care:

-Paolo è un uomo troppo possessivo.

ESSERE ROMANTICI

Persona sentimentale e sognatrice:

-I nati sotto il segno dell’Ariete sono molto romantici.

ESSERE COSTANTI

Saldo nella volontà, nelle idee, che fa le cose costantemente, sempre:

-Stefano è uno studente molto costante, fa sempre gli esercizi.

ESSERE BRILLANTI

Che fa le cose in modo differente, in modo eccezionale:

-I nati sotto il segno della Vergine sono degli amanti brillanti.

ESSERE FANTASIOSI

Ricco di fantasia:

-Gli scorpione sono ricchi di fantasia.

ESSERE PASSIONALI

-Essere una persone che ama in maniera forte, profonda:

-Luigi è un amante passionale.


I PIANETI

Questo è un piccolo dizionario illustrato dei nomi dei pianeti che ti servirà per capire meglio il PODCAST:

Похожее изображение

ASTROLOGIA: arte divinatoria basata sulla credenza che gli astri influiscano sul carattere degli uomini e sugli eventi storici.

ASTROLOGO: chi pratica l’astrologia.

OROSCOPO

L’OROSCO DI “BRANKO” (nome dell’astrologo)

L’OROSCOPO SETTIMANALE

L’OROSCOPO MENSILE

L’OROSCOPO DI OGGI (GIORNALIERO)

L’OROSCOPO ANNUALE

L’OROSCOPO + DEL + ANNO

-L’oroscopo del 2017;

L’OROSCOPO + DEL + MESE + DI + NOME DEL MESE

-L’oroscopo del mese di giugno

CHE COSA DICE L’OROSCOPO?

L’OROSCOPO DEL MESE DI + NOME DEL MESE + DICE + CHE + VERBO AL FUTURO

-L’oroscopo del mese di giugno dice che sarò fortunato in amore;

-L’oroscopo del mese di ottobre dice che saranno dei cambiamenti positivi nel lavoro;

-L’oroscopo di oggi dice che incontrerò l’anima gemella.

L’oroscopo dice che…

-Ci saranno dei cambiamenti IN \ NEL \ NELLE

-L’oroscopo di oggi dice che ci saranno dei cambiamenti per i nati sotto il segno dei Gemelli: amore, lavoro, finanze.

-L’oroscopo dice che ci saranno dei cambiamenti nelle finanze;

-L’oroscopo dice che ci saranno dei cambiamenti in amore;

-L’oroscopo dice che ci saranno dei cambiamenti nel lavoro;

-Ci saranno delle novità

-L’oroscopo dice che ci saranno delle novità in amore (nel lavoro, nelle finanze)

 

-Cambiamenti in arrivo

-L’oroscopo dice che ci saranno dei cambiamenti in arrivo nel lavoro (in amore, nelle finanze)


PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



+ italiano: in libreria

PODCAST

Maria va in libreria per comprare dei libri:

 

CHE LIBRI LEGGI?

-Generalmente leggo romanzi d’amore;

-Leggo romanzi fantastici.

CHE LIBRI MI CONSIGLI DI LEGGERE?

-Ti consiglio di leggere il libro di Fabio Volo.

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

-Non ho un genere preferito;

-Il mio genere preferito è il fantasy.

QUAL È IL TUO AUTORE \ SCRITTORE PREFERITO?

-Il mio autore preferito è Fabio Volo.

IL LIBRO + DI + NOME DELL’AUTORE

-Hai letto il nuovo libro di Chiara Gamberale?

IL LIBRO + SCRITTO DA + NOME DELL’AUTORE

-Il libro è scritto da Chiara Gamberale.

SCEGLIERE UN LIBRO

-Scegli il tuo libro preferito;

-Scegli il tuo autore preferito.

IL MIO LIBRO PREFERITO + ESSERE + TITOLO

-Il mio libro preferito è “Io non ho paura”.

 

GENERE LETTERARIO

GENERE SENTIMENTALE \ D’AMORE

GENERE EROTICO

GENERE UMORISTICO

GENERE GIALLO

GENERE STORICO

GENERE FANTASTICO (FANTASCIENZA E FANTASY)

GENERE HORROR (paura)

GENERE AUTOBIOGRAFICO

GENERE FIABESCO

POESIA

LETTERATURA PER RAGAZZI

LETTERATURA PER BAMBINI (letteratura per l’infanzia)

 

LIBRI DIDATTICI

LIBRO DI STORIA

LIBRO DI SCIENZE

LIBRO DI GEOGRAFIA

LIBRO DI LETTERATURA

LIBRO DI ITALIANO

LIBRO DI MATEMATICA


Vocabolario utile

Il titolo: Io non ho paura

I capitoli: tutti i libri sono divisi in capitoli. Ciascuna delle parti, più o meno ampie, in cui è diviso un libro, un racconto.

Картинки по запросу indice libroL’indice: elenco dei capitolo con il numero delle pagine

Картинки по запросу pagine del libroLe pagine: le pagine compongono il libro

La copertina: la copertina è la parte esterna di un libro, di una rivista, di un quaderno, di un’agenda o di un disco solitamente formata da carta o cartoncino più spessi dei fogli interni.

L’autore: è colui che ha scritto il libro.

La casa editrice: impresa commerciale che si occupa della pubblicazione e della divulgazione di libri, riviste ecc.: casa editrice scientifica, scolastica.

Espressioni utili:

-ESSERE IN OFFERTA

Prodotti venduti con a un prezzo inferiore, diciamo anche ESSERE SCONTATO:

-Questi libri sono in offerta, costano solo 5,00 euro;

ESSERE SCONTATO + DEL + 20,30,40 % (% si legge percento)

-Questi libri sono scontati del 20%;

Похожее изображениеCONFEZIONE REGALO

modo in cui una merce viene sistemata per essere conservata, trasportata o venduta:

-Vuole la confezione regalo?

-Faccio una confezione regalo?

CURIOSITÀ

Due nuovi modi di dire

ESSERE SCONTATO: evidente, ovvio

-È scontato che se mi sposerò tu sarai invitato alla festa ⇒ è ovvio che quando mi sposerò tu sarai invitato alla festa.

DARE PER SCONTATO: per sicuro, per certo

-Diamo per scontato l’apprendimento della lingua italiana con un corso annuale ⇒ è sicuro che se studi per un anno apprendi la lingua italiana.


Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



 

+ cultura: la festa della donna

“La diffe​renza tra uo​mo e don​na è epigenetica, ambientale. Il capitale cerebrale è lo stesso: in un caso è stato storicamente represso, nell’altro incoraggiato. Così pure tra po​poli. È sempre un dato culturale.” ​
Rita Levi-Montalcini

 

L’8 marzo si festeggia “la festa della donna”.

L’iniziativa di celebrare la giornata internazionale della donna fu presa per la prima volta nel febbraio del 1909 negli Stati Uniti su iniziativa del Partito socialista americano. L’anno seguente, nel 1910, l’iniziativa venne raccolta da Clara Zetkin a Copenaghen durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste.

Dai documenti del congresso non risultano chiare le motivazioni che spinsero alla scelta proprio di quella data. In realtà fino al 1921 i singoli Paesi scelsero giorni diversi per la celebrazione.

Durante la Seconda conferenza delle donne comuniste a Mosca (1921), viene confermata come unica data per le celebrazioni l’8 marzo in ricordo della manifestazione contro lo zarismo delle donne di San Pietroburgo nel 1917.

FALSI STORICI. In alcuni Paesi si fa invece riferimento a un episodio in cui alcune operaie americane, chiuse in fabbrica dal padrone perché non partecipassero a uno sciopero, persero la vita a causa di un incendio nel 1857. In Italia e altri Paesi si è fatto spesso riferimento a  un rogo del 1911 a New York, nel quale persero la vita 134 donne. La leggenda narra che avvenne in una fabbrica di camicie – peraltro inesistente – l’8 marzo. In realtà l’incendio avvenne in febbraio e a seconda dei Paesi cambiano le date, i luoghi e il numero delle vittime.
Secondo Tilde Capomazza e Marisa Ombra, che nel libro 8 marzo (Utopia) hanno studiato le origini della celebrazione, le motivazioni date nel ’21, troppo legate a un preciso momento politico, vennero presto abbandonate e sostituite da eventi più simbolici.

LA MIMOSA PER LA FESTA DELLE DONNE. La scelta della mimosa risale invece al 1946: le organizzatrici delle celebrazioni romane cercavano infatti un fiore che fosse di stagione e che costasse poco, e lo trovarono appunto nella mimosa.

La Giornata internazionale della donna (comunemente definita Festa della donna) ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui sono state oggetto e sono ancora, in tutte le parti del mondo. Questa celebrazione si tiene negli Stati Uniti a partire dal 1909, in alcuni paesi europei dal 1911 e in Italia dal 1922.

adattato da Focus


Cosa fanno le donne in questo giorno?

Dipende, ci sono donne che non festeggiano questa ricorrenza, altre vanno a mangiare una pizza con le amiche, altre fanno un viaggio. Questa giornata è diventata un’opportunità per riposarsi e regalarsi qualcosa.

Chi è sposata o fidanzata riceve in dono qualcosa: fiori, gioielli, viaggi ecc ecc. Le donne single si regalano qualcosa: un viaggio, un gioiello ecc ecc.

LEGGI IL TESTO: che cosa farà Marta per la festa della donna?

Quest’anno voglio fare qualcosa di diverso. Organizzerò un fine settimana in una SPA per passare qualche giorno con le mie amiche. Il programma? Dedicre un po’ di tempo a noi stesse, prenderci cura del nostro corpo, rilassarci e non pensare a niente.

Ho pensato di prenotare due giorni nella SPA La bella vita. Il programma che offrono e interessante: 2 gioni e 2 notti in albergo, colazione, pranzo e cena, compresi i percorsi comuni della SPA, tutto a un prezzo base di 280 euro a persona.

Io non voglio fare solo il percorso base, aggiungerò un trattamento viso, un massaggio con pietre calde, la ceretta e una bella manicure. Le mie amiche non so che cosa faranno, penso che sceglieranno quando saremo lì.

 


Vocabolario podcast

CERCARE SU GOOGLE

-Ho cercato su google

FARE UNA RICERCA SU GOOGLE

-Ho fatto una ricerca su google

CERCARE QUALCOSA D’INTERESSANTE

-Cerco qualcosa d’interessante

OFFERTE PER LA FESTA DELLA DONNA

-C’è un’offerta per la festa della donna, Natale, Pasqua

FARE UN SOGGIORNO ALLE TERME

-Abbiamo fatto un soggiorno alle terme

CHE COSA FARE PER LA FESTA DELLA DONNA

-Che cosa avete fatto per la festa della donna?

OFFERTA SPECIALE DI DUE NOTTI

-Offerta speciale di due notti, tre notti, 1 settimana

PACCHETTO BASE = che include l’essenziale

-Abbiamo trovato un pacchetto base

PERCORSI LIBERI = puoi fare tutti i trattamenti che vuoi.

PRENDERSI CURA DI SÉ \ PRENDERSI CURA DEL PROPRIO CORPO

-Per prenderti cura di te dovresti fare qualche massaggio;

-Per prendermi cura di me una volta al mese vado alle terme;

-Luana è una donna molto trasandata, non si prende cura di sé;

Il contrario di prendersi cura di sé è trascurarsi, non prendersi cura di sé.

Trasandato= disordinato, trascurato


Per prendersi cura del proprio corpo possiamo andare in un centro benessere per fare dei trattamenti:

Картинки по запросу centro benessere CENTRO BENESSERE

TRATTAMENTO VISO \ CORPO

Indica in generale tutti i trattamenti corpo\viso: ceretta, sauna, pedicure ecc ecc

-Io farò un trattamento viso e un trattamento corpo

Похожее изображениеTRATTAMENTO BENESSERE

Картинки по запросу FARE LA CERETTAFARE LA CERETTA

Картинки по запросу MANICUREFARE LA MANICURE

Картинки по запросу FARE LA PEDICUREFARE LA PEDICURE

Картинки по запросу fare la saunaFARE LA SAUNA

 

Картинки по запросу trattamenti corpoFARE I MASSAGGI

MASSAGGI DRENANTI

MASSAGGI ANTI-CELLULITE

Картинки по запросу trattamenti corpoFARE I FANGHI

Картинки по запросу FARE LA LAMPADA FARE LA LAMPADA

Картинки по запросу centro benessere FARE L’IDROMASSAGGIO


Pratichiamo!


 

+ vocabolario: azioni giornaliere

AVERE RIFATTO IL LETTO:

-Ieri ho rifatto il letto.

ESSERE ANDATO:

-Sono andato a scuola.

ESSERE ARRIVATO A CASA, IN UFFICIO, AL LAVORO

-Sono arrivata a casa.

AVERE FATTO I COMPITI

-Io ho fatto i compiti.

AVERE GIOCATO A VIDEOGIOCHI:

-Ho giocato a videogiochi.

AVERE GIOCATO A PALLONE:

-Ho giocato a pallone.

AVERE ASCOLTATO MUSICA:

-Ho ascoltato musica.

ESSERE USCITO CON GLI AMICI:

-Sono uscito con gli amici.

AVERE LETTO UN LIBRO:

-Ho letto un libro.


AVERE FATTO LA COLAZIONE:

-Ho fatto la colazione;

AVERE PRANZATO:

-Ho pranzato;

AVERE CENATO:

-Avete cenato.

AVERE CUCINATO:

-Hanno cucinato.

AVERE STUDIATO:

-Abbiamo studiato.

AVERE PORTATO A SPASSO IL CANE:

-Abbiamo portato a spesso il cane.

AVERE FATTO ACQUISTI:

-Hai fatto acquisti.

AVERE LETTO IL GIORNALE:

-Ho letto il giornale.

AVERE FATTO LE PULIZIE:

-Ho fatto le pulizie.


Leggi i testi

PRESENTE INDICATIVO = per descrivere cosa fai generalmente

La giornata di Francesca

La mattina mi alzo alle 7:00, rifaccio il letto, faccio colazione e vado a scuola. Non mi piace andare a scuola, infatti non vedo l’ora di uscire. Quando esco da scuola ritorno a casa e finalmente ascolto musica ed esco con i miei amici.

La giornata di Luca

La mia giornata inizia sempre con una buona colazione. Poi faccio la doccia, ascolto un po’ di musica e mi vesto. Vado al lavoro, studio molto e all’una vado via per andare a casa. Quando rientro a casa c’è mia moglie che cucina, mentre lei cucina io leggo il giornale, oppure faccio le pulizie. Quando il pranzo è pronto io e mia moglie ci sediamo a tavola e mangiamo insieme. La sera andiamo a fare un giro, portiamo il cane a spasso e facciamo acquisti.

PASSATO PROSSIMO = descrivere che cosa hai fatto ieri, stamattina, stasera, mercoledì scorso, in generale un giorno del passato.

La giornata di Nada

Ieri mi sono alzata alle 7:00 mi sono lavata, mi sono vestita, ho preparato la colazione e ho mangiato insieme ai miei bambini. Ho accompagnato loro a scuola, sono ritornata a casa e ho fatto la mia lezione d’italiano. Quando ho finito la lezione, ho rifatto i letti, ho pulito e sistemato la casa. Mio marito è andato a prendere mio figlio alle 13:30. Nel frattempo io sono andata alle poste per ritirare una raccomandata. Sono ritornata a casa, ho preparato il pranzo e abbiamo mangiato tutti insieme. Alle 16:00 ho preso mia figlia da scuola. Ho fatto la spesa e siamo ritornati a casa.


 

Espressioni utili

FARE ACQUISTI= comprare abbigliamento, arredamento, tecnologia, ecc;

-Mia moglie e io facciamo acquisti;

-Mia zia e io abbiamo fatto acquisti online;

-Piero e io abbiamo fatto acquisti per la casa. Abbiamo comprato due sedie nuove, un tavolo e due tende.

FARE LA SPESA = comprare alimenti;

-Ieri sera abbiamo fatto la spesa, abbiamo comprato: patate, pomodori, pane, sale e zucchero.

DURANTE, MENTRE = nel tempo in cui, nel momento in cui;

-Mentre io faccio acquisti mio marito lavora;

-Durante la lezione ascolto la musica;

OPPURE = o

-Vuoi una mela oppure una pera?;

-Vuoi dello zucchero oppure del sale?;

INSIEME = compagnia, unione, unità

-Marcella e io studiamo insieme;

-Io e mia madre facciamo le pulizie insieme.

 

PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.


+ vocabolario: lavori o studi?

LEGGI IL TESTO

Ciao, mi chiamo Francesca, ho 27 anni e vivo a Roma. Sono di Venezia. Vivo a Roma da 5 anni. Mi sono trasferita qui per studiare. Ho studiato legge nella facoltà di giurisprudenza di Roma. Dopo la laurea ho iniziato a lavorare come segretaria presso un avvocato. A me piace molto studiare, ho sempre avuto dei buoni voti. Ho studiato in una scuola elementare privata, poi ho proseguito i miei studi in una scuola media pubblica. Quando ho finito la scuola media mi sono trasferita a Milano con la mia figlia e ho studiato al liceo scientifico Alessandro Volta di Milano.

Il mio lavoro mi piace molto. Lavoro dal lunedì al venerdì. Entro in servizio alle 9:00 e smonto alle 13:00.


STUDIARE AL LICEO

STUDIARE IN UN LICEO

STUDIARE IN UNA SCUOLA

STUDIARE NELLA SCUOLA

-Io studio al liceo scientifico Luigi Canepa di Bologna ⇒ specifico

-Io studio in un liceo scientifico ⇒ uno qualunque, non specificato, significato generico

-Io studio nella scuola privata di via Mazzini⇒ specifico

-Io studio in una scuola privata ⇒ una qualunque, non specificato, significato generico

VOCABOLARIO

STUDIARE ALLA SCUOLA ELEMENTARE

FREQUENTARE LA SCUOLA ELEMENTARE

-Io studio alla scuola elementare;

-Maria frequenta la scuola elementare.

STUDIARE ALLA SCUOLA MEDIA

FREQUENTARE LA SCUOLA MEDIA

-Gianna studia alla scuola media;

-Francesca frequenta la scuola media.

STUDIARE ALLA SCUOLA SUPERIORE

FREQUENTARE LA SCUOLA SUPERIORE

-Noi studiamo alla scuola superiore;

-Noi frequentiamo la scuola superiore.

STUDIARE ALL’UNIVERSITÀ

FREQUENTARE L’ UNIVERSITÀ

-Voi studiate all’università;

-Voi frequentate l’università.

USCIRE DA SCUOLA

-Esco da scuola alle 9:00

USCIRE DALL’UNIVERSITÀ’

-Usciamo dall’università alle 11:00

FARE LA LEZIONE

-Facciamo la lezione alle 9:00

DALLE + ORA + ALLE + ORA + FARE + LEZIONE+ DI + MATERIA +

-Dalle 7:00 alle 11.00 facciamo lezione di matematica

PRENDERE LEZIONI PRIVARE + DI

-Prendo lezioni private di matematica

STUDIARE ALLA SCUOLA PUBBLICA

-Io studio alla scuola pubblica

STUDIARE ALLA SCUOLA PRIVATA

-Io studio alla scuola privata

LE MATERIE SCOLASTICHE

ITALIANO

-Studiare italiano

LETTERATURA

-Studiare letteratura

SCIENZE

-Studiare scienze

MATEMATICA

-Studiare matematica

FISICA

-Studiare fisica

CHIMICA

-Studiare chimica

STORIA

-Studiare storia

GEOGRAFIA

-Studiare la geografia

LINGUA STRANIERA

-Studiare la lingua straniera

SCIENZE MOTORIE

-Studiare scienze motorie

RELIGIONE

-Studiare religione

ARTE

-Studiare arte

MUSICA

-Studiare musica


UNIVERSITÀ

STUDIARE + ALL’UNIVERSITÀ ⇒ generico

-Studiamo all’università

STUDIARE +  IN  + UN’UNIVERSITÀ’ + AGGETTIVO ⇒ generico

-Studiamo in un’università polacca

-Studiamo in un’università prestigiosa

STUDIARE + NELLA + FACOLTÀ + DI

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA \ STUDIARE LEGGI

-Studio leggi nella facoltà di giurisprudenza di Milano

FACOLTÀ DI SCIENZE FISICHE E MATEMATICHE

-Studio scienze nella facoltà di scienze fisiche e matematiche di Roma

FACOLTÀ DI MEDICINA

FACOLTÀ DI FARMACIA

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTÀ DI BIOLOGIA

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA


ANDARE A SCUOLA

-Vado a scuola con il bus

ANDARE ALL’UNIVERSITÀ

-Vado tutti i giorni all’università

 

Lavoro

LAVORARE COME INSEGNANTE

-Lavoro come insegnante nella scuola elementare di Roma

LAVORARE COME CONTABILE

-Lavoro come contabile nell’ufficio contabilità della Google

LAVORARE COME AUTISTA

-Lavoro come autista

ANDARE AL LAVORO

-Vado al lavoro alle 9.00

ANDARE A LAVORARE

-Oggi vado a lavorare

ANDARE IN UFFICIO

-Oggi vado in ufficio un’ora prima


LAVORARE + CON + QUALCUNO

Collaborazione

-Lavoro con Mario

LAVORARE + PER + QUALCUNO (NOME AZIENDA)

Prestare servizio per un’azienda, prestare servizio a qualcuno

-Lavoro per Google

-Lavoriamo per “Il corriere della sera”

-Lavoriamo per voi


TURNI DI LAVORO ⇒ orario di lavoro

-Il mio turno di lavoro è dalle 9:00 alle 7:00

-Il suo turno di lavoro è dalle 17.00 alle 22:00

ENTRARE IN SERVIZIO ⇒ Iniziare a lavorare

-Entro in servizio alle 9:00

SMONTARE ⇒ finire di lavorare

-Smonto alle 21:00

LAVORARE A TEMPO PIENO (FULL TIME)

-Lavoro a tempio pieno

LAVORARE MEZZA GIORNATA (PART-TIME)

-Noi lavoriamo mezza giornata

Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



 

DAL MEDICO

La signora Maria Rossi non si sente bene, allora telefona al suo medico

LESSICO

Espressioni e vocaboli utili

CHIAMARE IL DOTTORE \ MEDICO

-Ieri non mi sentivo bene, ho chiamato il medico e mi ha detto di prendere la Tachipirina.

-Se non stai bene, chiama il medico.

ANDARE DAL DOTTORE \ MEDICO

-Domani vado dal dottore per fare usa visita medica.

FARE UNA VISITA MEDICA

-Domani devi fare una visita medica.

IL DOTTORE VISITA IL PAZIENTE

-Il medico mi ha visitato, ha detto che è tutto a posto.

PRENDERE UNA TACHIPIRINA DA 500 ML

La Tachipirina è un farmaco a base di paracetamolo che si usa in caso di febbre.

 

AVERE L’INFLUENZA

-Ho l’influenza.

ESSERE INFLUENZATO

-Sono influenzato.

AVERE IL RAFFREDDORE

-Abbiamo il raffreddore.

AVERE LA TOSSE

Abbiamo la tosse.

AVERE MAL DI TESTA

-Ho mal di testa da due giorni;

POSSIAMO ANCHE DIRE: FARE MALE + PRONOME

-Mi fa male la testa da due giorni;

-Vi fa male la testa?

AVERE LA NAUSEA

-Ho la nausea.

AVERE MAL DI STOMACO

-Ho mal di stomaco.

POSSIAMO ANCHE DIRE: FARE + MALE + PRONOME

-Mi fa male lo stomaco.

AVERE MAL DI DENTI

-Ho mal di denti.

POSSIAMO ANCHE DIRE: FARE MALE + PRONOME

-Mi fanno male i denti.

FARE LE ANALISI

Si fanno le analisi per verificare la presenza di patologie, virus ecc

-Devo fare le analisi del sangue;

-Dobbiamo fare delle analisi per verificare se si tratta di un virus.

FARE IL PRELIEVO DEL SANGUE

FARE GLI ACCERTAMENTI

Fare delle analisi specifiche per evidenziare la presenza o l’assenza di patologie:

-Devo fare alcuni accertamenti.

FARE PREVENZIONE

Una serie di accertamenti clinici, visite, radiografie, ecografie, dosaggi ematici: un insieme di procedure che rientrano non nella prevenzione, cioè visite e analisi anticipatori che permettono di evitare le malattie.

ACCERTAMENTI CLINICI⇒ l’accertare; verifica, controllo: 

-Mi ricovero per accertamenti.

ECOGRAFIA

-Devo fare un’ecografia addominale.

RADIOGRAFIA

-Devo fare una radiografia toracica.

MODI DI DIRE

FARE UN COLPO DI TELEFONO A QUALCUNO:

-Il medico ha detto che ci fare un colpo di telefono stare.

DARE UN COLPO DI TELEFONO A QUALCUNO

-Prima di venire a casa tua, ti do un colpo di telefono.

Esiste anche l’espressione:

FARE UNO SQUILLO A QUALCUNO

-Prima di partire, ti faccio uno squillo;

-Appena sono sono casa tua, ti faccio uno squillo.


Pillole di grammatica

Quando ci rivolgiamo a qualcuno dando del Lei  usiamo il congiuntivo al posto dell’imperativo, così come  nelle terze persone e nella prima plurale quando facciamo ⇒ un’esortazione, un invito:

Abbia un po’ di pazienza!

Vada via di qui immediatamente!

Abbiate fiducia in noi!

Il medico si rivolge al paziente dandole del Lei:

Vada a fare una visita specialistica;

Assuma una compressa di Tachipirina:

PRENDERE \ ASSUMERE UN FARMACO

Prendere e assumere hanno lo stesso significato, mettere si usa con le supposte e applicare con le pomate.

Oggi ho preso lo sciroppo;

Applichi la pomata due volte al giorno.

 

Prescrizione medica

PRESCRIZIONE

ciò che il medico consiglia al paziente come terapia o (profilassi ⇒ altro nome per dire terapia)

Risultati immagini per prescrizione medica significato

La prescrizione medica è generalmente scritta usando l’infinito:

ASSUMERE + DOSAGGIO + AL GIORNO + PER + PERIODO DI TEMPO

-Assumere due pastiglie al giorno per due settimane;

-Applicare la pomata due volte al giorno per 15 giorni;

Il medico può anche usare le seguenti espressioni:

Si consiglia + profilassi

-Si consiglia un riposo di sette giorni;

 

Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



 

 

 

+ società: whatsappiamo, messaggiamo

Whatsapp ha introdotto nella lingua italiana un nuovo termine usato soprattutto dai giovani: Whatsappare.

Attenzione, è un termine molto usato dai giovani che ancora non appare nel dizionario di lingua italiana. Essendo un termine legato alla famosissima applicazione per cellulari, probabilmente sarà destinato a scomparire, non appena apparirà un’altra applicazione, più funzionale, più tecnologica e senza ombra di dubbio più alla moda.

In questa lezione impareremo la terminologia legata ai cellulari e alla messaggistica istantanea.


Messaggiarsi: è un verbo di uso comune. Usato soprattutto dai giovani e in ambito informale. Inviare messaggi via Whatsapp, messenger, skype ecc. Termine da evitare in situazioni formali.

 

Whatsappare: è un verbo di uso comune. Usato soprattutto dai giovani e in ambito informale ⇒ inviare messaggi via whatsapp. Termine da evitare in situazioni formali.

 

INVIARE MESSAGGI , REGISTRAZIONI VOCALI, FOTO, VIDEO

-Francesca mi ha inviato una foto su Whatsapp;

-Giuliana e Paolo mi hanno inviato un video su Whastapp.

RICEVERE MESSAGGI, REGISTRAZIONI VOCALI, FOTO, VIDEO

-Ho ricevuto un messaggio vocale su Whatsapp.

Inviare le faccine (emoticon)

Emoticon in italiano si dice faccine (faccina al singolare)

-Giuseppe è a casa che sta studiando, mi ha appena inviato la faccina disperata

☺️  ☹️


Terminologia Whatsapp

IL SIGNIFICATO DELLE SPUNTE

1. v, una spunta verde/grigia -> indica che il messaggio è stato inviato correttamente (ma non ricevuto).

2. vv, due spunte verdi/grigie -> indicano che il messaggio è stato ricevuto dal destinatario (ma non letto).

3. vv, due spunte blu -> indicano che il messaggio è stato letto. E’ il cosiddetto “doppio controllo” (o double check, in inglese) che segnala la conferma di avvenuta lettura.

I tipi di spunte presenti su WhatsApp

This quiz is for logged in users only.


+ tradizioni: il carnevale in Italia

I CORIANDOLI

LE STELLE FILANTI

LA MASCHERA DI CARNEVALE

IL VESTITO DA CARNEVALE

 

Espressioni

 

Travestire, travestirsi

-A carnevale mi travesto da Arlecchino.

Vestire, vestirsi

-A carnevale mi vesto da Pulcinella.

Mascherare, mascherarsi

Come ti mascheri?

-Mi maschero da Pulcinella.

Da che cosa ti vesti? 

-Mi vesto da Pulcinella.

 

AVERE + ORIGINI + AGGETTIVO (PLURALE)

LIGURIA⇒ LIGURE = Ha origini liguri (ligure = singolare \ liguri = plurale)

ROMA ⇒ ROMANO = Ha origini romane

SICILIA ⇒ SICILIANO = Ha origini siciliane

MILANO ⇒ MILANESE = Ha origini milanesi

SARDEGNA ⇒ SARDO = ha origini sarde

ESSERE + DI + ORIGINE + AGGETTIVO (SINGOLARE)

LIGURIA⇒ LIGURE = è di origine ligure

ROMA ⇒ ROMANO = è di origine romana

SICILIA ⇒ SICILIANO = è di origine siciliana

MILANO ⇒ MILANESE = è di origine milanese

SARDEGNA ⇒ SARDO = è di origine sarda

NON CONOSCERE LE ORIGINI \ ORIGINI SCONOSCIUTE

QUANDO NON SI CONOSCONO LE ORIGINI DI QUALCOSA

-Non conosciamo le origini di questo monumento.

-Questo monumento è di origini sconosciute.

CONTARE A RITROSO

Si dice anche “conto alla rovescia”. Significa contare dall’ultimo numero al primo: 10, 9, 8, 7…

LEGAME STRETTO

Un nesso, un collegamento, un rapporto molto forte, stretto, vicino:

-Il legame con le tradizioni antiche è molto stretto;

-Il legame tra madre e figli è molto stretto.

RAPPRESENTARE QUALCOSA\ QUALCUNO

-La maschera di Capita Spaventa rappresenta uno spadaccino;

-Il carnevale di Venezia rappresenta la tradizione veneziana.

FARSI RAGGIRARE da qualcuno

Ingannare, abbindolare:

-Paolo si è fatto raggirare dalla moglie, quella strega.

RAGGIRARE qualcuno

-Giuseppe raggira la moglie con le sue bugie.

ESSERE RAGGIRATO

-Gianna è raggirata dal marito, quell’imbroglione;

LASCIARSI RAGGIRARE

-Lui si lascia raggirare dal cugino, quell’uomo vigliacco e imbroglione.


Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.



  1. Pulcinella
  2. Arlecchino
  3. Balanzone
  4. Colombina
  5. Gianduja
  6. Pantalone
  7. Capitan Spaventa
  8. Brighella

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.