fbpx

+ LETTERATURA: FRANCESCO PETRARCA

LEGGI IL TESTO

IL CANZONIERE DI PETRARCA

Il Canzoniere, meno comunemente conosciuto col titolo originale in latino Francisci Petrarchae laureati poetae Rerum vulgarium fragmenta (“Frammenti di componimenti in volgare di Francesco Petrarca, poeta coronato d’alloro”), è la storia, raccontata attraverso la poesia, della vita interiore di Petrarca.

La raccolta comprende 366 (365, come i giorni dell’anno, più uno introduttivo: “Voi ch’ascoltate”) componimenti: 317 sonetti (86.5%), 29 canzoni (8%), 9 sestine(2.5%), 7 ballate (2%) e 4 madrigali (1%). Non raccoglie tutti i componimenti poetici del Petrarca, ma solo quelli che il poeta scelse con grande cura; altre rime (extravagantes) andarono perdute o furono incluse in altri manoscritti. La maggior parte delle rime del Canzoniere è d’argomento amoroso, una trentina sono di argomento morale, religioso o politico.

Sono celebri le canzoni Italia mia e Spirto gentil nelle quali il concetto di Patria si identifica con la bellezza della terra natale, sognata libera dalle lotte fratricide e dalle milizie mercenarie. Fra le canzoni più celebri ricordiamo anche Chiare, fresche e dolci acque e tra i sonetti Solo et pensoso i più deserti campi.

Per lungo tempo, si è pensato che le due parti in cui risulta diviso il manoscritto originale del Canzoniere (Vat. lat. 3195) permettessero di distinguere le rime “in vita” e dai componimenti “in morte” di Madonna Laura. Attualmente si è propensi a credere che la bipartizione della raccolta rispecchi, in chiave simbolica, le distinte fasi di un tormentato percorso di maturazione del poeta, che vole e seppe passare dall’infatuazione giovanile per l’Amore e la Gloria (prima parte: rime I-CCLXIII), ad una matura e più cristiana dedizione ai valori della Carità e della Virtù ( (seconda parte: CCLXIV-CCCLXVI) Secondo alcuni studiosi (in particolare Marco Santagata e Giovanni Biancardi) la struttura del Canzoniere istituirebbe uno stretto legame simbolico (di sapore pienamente medioevale) fra l’intera vita del poeta e l’anno solare: le rime del Canzoniere sono infatti 366, come i giorni che trascorrono dall’inizio di un anno (la vita terrena) al ritorno della medesima data (principio di una nuova esistenza dell’anima, in cielo). Secondo queste ipotesi calendariali, alcune date acquisirebbero un valore particolare per la struttura dell’opera. Prima fra tutte il 6 aprile (giorno in cui, nel 1327, Petrarca si innamorò, ma anche giorno in cui, nel 1348, Laura morì). Fondamentali, inoltre, risulterebbero il giorno anniversario della nascita di Petrarca, 20 luglio, e quello della sua incoronazione poetica a Roma (8 aprile): tra l’uno e l’altro, trascorrono 263 giorni e giustappunto 263 sono le rime che compongono la prima parte del Canzoniere.

LESSICO

CELEBRE

popolare, famoso.

SOMMO

alto, grande.

DIPARTIZIONE

dividere, suddividere, separare.

PROPENSO - ESSERE PROPENSO

Essere disposto, incline, favorevole.

SVOLGI IL SEGUENTE ESERCIZIO

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.