fbpx

GLI SPORT

CHE SPORT PRATICHI?

Per parlare dello sport che pratichiamo possiamo usare anche il verbo FARE:

CHE SPORT FAI?

o anche il verbo PIACERE:

CHE SPORT TI PIACE?

GIOCARE A PALLAVOLO

io gioco

tu giochi

lui\lei gioca

noi giochiamo

voi giocate

loro giocano

SCALARE

io scalo

tu scali

lui\lei scala

noi scala

noi scaliamo

voi scalate

loro scalano

BALLARE

io ballo

tu balli

lui\lei balla

noi balliamo

voi ballate

loro ballano

 

PATTINARE

io pattino

tu pattini

lui\lei pattina

noi pattiniamo

voi pattinate

loro pattinano

GIOCARE A BASKET SCIARE

io scio

tu scii

lui\lei scia

noi sciamo

voi sciate

loro sciano

GIOCARE A CALCIO NUOTARE

FARE NUOTO

io nuoto

tu nuoti

lui\lei nuota

noi nuotiamo

voi nuotate

loro nuotano

FARE FITNESS

ANDARE IN PALESTRA

GIOCARE A TENNIS
IMPARARE UNA LINGUA

io imparo

tu impari

lui\lei impara

noi impariamo

voi imparate

loro imparano

CORRERE

io corro

tu corri

lui\lei corre

noi corriamo

voi correte

loro corrono

ESPRESSIONI UTILI

FARE + SPORT

Faccio tennis

PIACERE + SPORT

Mi piace il tennis

PRATICARE + SPORT

Pratico lo sci

 

I VERBI

CORRERE

FARE TENNIS

GIOCARE A TENNIS

NUOTARE

FARE NUOTO

SCIARE

FARE SCI

PATTINARE

FARE PATTINAGGIO

SCALARE

BALLERE

FARE BALLO

ANDARE IN PALESTRA

FARE FITNESS

GIOCARE A CALCIO

FARE CALCIO

GIOCARE A BASKET

FARE BASKET

GIOCARE A PALLAVOLO

FARE PALLAVOLO

IMPARARE UNA LINGUA 😉

PRATICHIAMO!

scrivi un piccolo testo di almeno 20 parole:

Che sport pratichi? Perché?

(scrivi il testo nei commenti)

 

Prova scritta - lezione 7- il verbo piacere e gli sport

 

 

Name Email Phone Number
E a te che cosa piace fare durante il tempo libero?

Scrivi un testo di almeno 50 parole.


LEGGI IL TESTO E RISPONDI ALLE DOMANDE:  GLI SPORT PREFERITI DAGLI ITALIANI - comprensione del testo

Name Email Phone Number
GLI SPORT PREFERITI DAGLI ITALIANI

Al 1° posto c’è il calcio, al 2° la Formula 1,  al 3° il motomondiale,  al 4° ciclismo, ma non sempre, solo quando c’è il Giro d’Italia.  Al 5° posto il tennis e al 6° posto la pallavolo.

Questa è la classifica degli sport preferiti dagli italiani elaborata dagli istituti di rilevazione demoscopica Ipsos e StageUp nell’ambito di una ricerca commissionata dalla Lega delle società di pallavolo.

 

Il ciclismo è molto meno un fenomeno televisivo rispetto alla Formula 1 o al motomondiale.
Conosci il calcio italiano? Se sì, che squadra tifi?

Se no, che tipo di sport preferisci tra: formula 1 e motoGP?

DI NASCOSTO

CIAO!

In questa nuova lezione impariamo ad usare l’espressione: DI NASCOSTO.


GUARDA LA VIDEO LEZIONE


ESPRESSIONI UTILI

DI NASCOSTO: fare qualcosa in segreto

DI NASCOSTO DA QUALCUNO

SENZA FARLO SAPERE A QUALCUNO

DI NASCOSTO DAGLI ALTRI

SENZA FARLO SAPERE AGLI ALTRI

USCIRE DI NASCOSTO DA UN LUOGO:

  • sono uscito di nascosto da scuola
  • sono uscito di nascosto da lavoro

PRATICHIAMO!

Qali sono le cose che fai di nascosto?

Scrivi un piccolo testo nel quale spieghi le cose che fai di nascosto.

Scrivi il tuo testo nella sezione lascia un commento.

 

 

MODI DI DIRE CON IL VERBO PARLARE

 

 


  • Parlare del più e del meno → parlare, conversare di argomenti diversi, di solito banali o poco importanti:

– “Non abbiamo parlato di cose importanti, abbiamo parlato del più e del meno”;

 Parlare a vanvera → parlare senza riflettere, dire cose senza senso, fuori luogo:

– “Il mio collega parla sempre a vanvera”;

• Parlare a quattrocchi  (parlare faccia a faccia)→ parlare in privato, a tu per tu:

– “Ho una cosa importante da dirti e vorrei parlarti a quattrocchi”;

  Parlare al muro, parlare al vento → parlare a qualcuno che non presta attenzione, che non reagisce a quello che gli viene detto, parlare inutilmente:

– “Parlare con te è come parlare al muro, non ascolti mai”;

• Parlarsi addosso → parlare troppo di sé in modo eccessivamente compiaciuto:

– “Da quando si è laureata, non fa altro che parlarsi addosso”;

• Parlare dietro le spalle → criticare qualcuno in sua assenza:

– “Maria e Silvia sembrano amiche, ma si parlano dietro le spalle”;

• Parlare per dar aria ai denti → dire sciocchezze:

“Non ascoltarlo, parla per dar aria ai denti!”;

• Non me ne parlare! → espressione che si usa a proposito di un argomento che si vuole evitare perché fastidioso o doloroso o per riferirsi a fatti che si sono sperimentati personalmente:

– “Sei mai andato in quel nuovo ristorante?”, “Non me ne parlare! Si mangia male e si spende troppo!”;

 Senti chi parla! → si usa questa espressione per sottolineare che la persona che dice o che ha detto determinate cose è proprio la meno adatta a dirle:

– “Mia sorella mi dice sempre di mangiare meno dolci, ma senti chi parla! Lei ne mangia in continuazione!”;

• Non se ne parla neanche! → neanche per idea!:

“Papà, posso uscire con i miei amici stasera?”, “Non se ne parla neanche! Domani devi andare a scuola”.


 

+ italiano: MI SENTI?

MI, TI, LA, LO, CI, VI, LI, LE + SENTIRE

-Mi senti?

-Sì, ti sento chiaro.

-Non ti sento, parla più forte.

-Non la sento, per favore, parli più forte.

-Li ho sentiti parlare, parlavano di noi.

 

LEGGI IL TESTO

Ciao Luisa, ti scrivo perché prima al telefono non ti sentivo. Dovresti chiamare un tecnico per controllare il tuo telefono, perché non si sente mai niente. Prima ti ho chiamata per dirti di stasera, fammi sapere se ti va di venire con noi in pizzeria. Aspetto una tua risposta, Ci sentiamo!

This quiz is for logged in users only.


+ italiano: CHIEDERE I PROGRAMMI DI QUALCUNO

 

CIAO!

CONTENUTO LEZIONE: CHIEDERE I PROGRAMMI DI QUALCUNO

ATTIVITÀ: CONVERSAZIONE + ASCOLTO


AVERE DEI PROGRAMMI + PER + …

-Hai dei programmi per stasera?

-Hai dei programmi per domani?

CHE COSA + FARE +…

-Che cosa fai stasera?

-Che cosa fai domani?


ESSERE + LIBERO \ IMPEGNATO

Sei libera stasera?

-Sì, perché?

-Ti andrebbe di andare a mangiare una pizza insieme?


AVERE UN IMPEGNO

-Sei libera stasera?

-No, ho già un impegno


ASCOLTA IL PODCAST

 

PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

RINFORZO: CONGIUNTIVO E VERBO PENSARE

 


Il verbo PENSARE  ha sempre bisogno del CONGIUNTIVO, ma solo quando significa: CREDERE, RITENERE.

A volte, invece, il verbo pensare ha un’altra sfumatura di significato e corrisponde a “focalizzare”, “andare col pensiero”, “riflettere”.

In questo caso non richiede il congiuntivo, ma l’indicativo o il condizionale.
Possiamo notare la differenza in questi due esempi:

  • “Penso che mia madre  si voglia trasferire all’estero.”
    (il trasferimento di mia madre è una possibilità, ma non sono sicuro che lo faccia)
  • “Quando penso che mia madre si vuole trasferire a Roma, mi viene una grande
    tristezza.”
    (il trasferimento di mia madre  è una decisione presa e quando io penso a questo fatto sono triste).

PRATICHIAMO!

CONGIUNTIVO E VERBO PENSARE

Name Email
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA


 


+ ITALIANO: IN SARTORIA

CIAO!

In questa lezione impareremo nuove espressioni e nuovi vocaboli che riguardano il settore del cucito.

ATTIVITÀ: COMPRENSIONE DELLA LETTURA E DELL’ASCOLTO + vocabolario


ASCOLTA IL PODCAST…

“Dalla sarta”


LA SARTORIA = è il luogo in cui la sarto o il sarto svolgono il loro lavoro



CHE COSA FA LA SARTA IN SARTORIA?

PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

RINFORZO: Qual è il problema?

CIAO!

In questa lezione impareremo qualcosa di nuovo sul sostantivo problema.

In italiano ci sono tante espressioni che si formano con il sostantivo problema.

  1. La regola più importante che devi tenere bene a mente è che: il sostantivo problema è maschile singolare, nonostante la sua terminazione sia in A.

Dunque diremo sempre: IL PROBLEMA \ UN PROBLEMA \ DEI PROBLEMI \ I PROBLEMI

PROBLEMA: complicazione, difficoltà, ostacolo

PROBLEMA

sostantivo maschile singolare ⇒ il problema, un problema


  • Che problema c’è?
  • Qual è il problema?
  • Dov’è il problema?

Espressioni che usiamo per chiedere a qualcuno se c’è qualcosa che non va oppure che cosa c’è che non va.


  • Non c’è nessun problema ⇒ espressione che usiamo per dire che è tutto okay, che non c’è nessun problema

-C’è qualche problema?

-No, non c’è nessun problema

  • Non c’è problema ⇒ espressione che usiamo per dire che va tutto bene, che è tutto a posto

-Scusa ma domani non potrò accompagnarti dal dottore, si è rotta la macchina

-Va bene, non c’è problema

  • Il problema è che… ⇒ formula introduttiva che usiamo per dire qual è il problema e a seguire esponiamo il problema

-Il problema è che tuo figlio non vuole più andare a scuola





  • ESSERE UN PROBLEMA \ NON ESSERE UN PROBLEMA

-Il fatto che tu non parli bene non è un problema

  • AVERE UN PROBLEMA

-Non so se verrò domani sera, ho un problema



ASCOLTA IL PODCAST

 

Pratichiamo!

This quiz is for logged in users only.





RINFORZO: DARE E CHIEDERE INFORMAZIONI PERSONALI IN ITALIANO

 

DARE E CHIEDERE INFORMAZIONI PERSONALI IN ITALIANO

DARE INFORMAZIONI PERSONALI DI UNA PERSONA

Dare informazioni personali proprie non è difficile.


 

È difficile dare informazioni su un’altra persona, con questo esercizio impari a dare informazioni su un’altra persona.

Importante ⇒ quando parli di una persona devi usare i verbi alla terza persona singolare, se parli di LUI\LEI e la seconda persona singolare se parli di TU:

Lui è Francesco

Lei è Cinzia

Tu sei Giovanna?

oppure la prima, seconda o terza persona plurale:

Loro sono Francesca e Paolo

Loro sono Luisa e Giulio

Noi siamo Giovanni e Lucia

Voi siete Francesca e Ignazio

This quiz is for logged in users only.


 

 

 

 

RINFORZO: i verbi con NE

CIAO!

In questa lezione impareremo ad usare i verbi con NE


Aggiungere la particella NE ad un verbo significa indicare la quantità di qualcosa che abbiamo citato in precedenza:

AVERNE = quanto?

  • -Avete dei libri di italiano?
  • -No, non ne abbiamo
  • -Sì, ne abbiamo due

VOLERNE = quanto?

  • Vuoi due dolci?
  • -Sì grazie, ne voglio due

BERNE = quanto?

  • -Avete bevuto l’acqua?
  • -Sì, ne abbiamo bevuto due bicchieri

COMPRARNE = quanto?

  • -è finita l’acqua!
  • -Ne comprimo due bottiglie

MANGIARNE = quanto?

  • -Che buona questa pizza, posso mangiarne ancora qualche fetta?
  • -Certo! Mangiane quante ne vuoi.

FARNE = quanto?

  • -Per imparare ad usare ne devi fare molti esercizi
  • -Ne faccio 1o, va bene?

DARNE = quanto?

  • -I gelati non bastano
  • -Se ne diamo due per uno, bastano

POTERNE = quanto?

  • -Vorrei mangiare due caramelle
  • -Non ne abbiamo più

Espressioni

Non poterne più e averne abbastanza sono due espressioni che significano = essere stanco, essere stufo di qualcosa \ qualcuno:

-Non ne posso più dei tuoi soliti errori

-Ne ho abbastanza delle tue telefonate alle 2 di notte.


 

+ italiano: questa e questo

 

CIAO!

In questa lezione impareremo ad usare questa e questo

LESSICO: C1


Questo e questa non sono esclusivamente dimostrativi, ma significano QUESTA COSA (hanno valore neutro) è sono usati per costruire tante frasi

  • QUESTA NON CI VOLEVA

-Giovanna è ferma in via Roma, c’è un incidente e la strada bloccata

-Oh no! Questa non ci voleva.

  • DOPO QUESTA… (riferito a qualcosa che è stata detta o è stata fatta)

-Marco è partito senza dire niente ai suoi genitori.

-Che ragazzo strano, dopo questa possiamo confermare che è proprio strano.

  • Questo non dovevi farlo!

-Ho telefonato la prof e gliene ho cantato quattro.

-Questo non dovevi farlo!

  • Questo mai!

-Domani non vado al lavoro, sono stanco.

-Questo mai! Abbiamo due riunioni con dei nuovi clienti.

  • || Con tutto questo \ nonostante questo

-Mi ha trattata malissimo, nonostante questo gli rivolgo ancora la parola.

  • || E con questo? ⇒ formula usata per indicare che non si attribuisce alcun valore a ciò che l’interlocutore ha appena detto o fatto

-Domani ho due riunioni…

-E con questo?

  • || Per questo …

-Sono un po’ impegnato, non so se domani ce la faccio ad andare a Roma per quella riunione

-Per questo ti ho detto che sarebbe preferibile dire a Giulia di rientrare al lavoro domani.

  • || Questo è tutto …

– Questo è tuttonon ho altro da dire, ho concluso

 

RINFORZO: parlare, dire, raccontare

CIAO!

In questa lezione approfondiamo il discorso sui verbi parlare, dire e raccontare


  • Raccontare qualcosa
  • Raccontare una storia
  • Raccontare un evento

LE ESPRESSIONI SONO TUTTE CORRETTE

  • PARLARE DI sé, me, te…

-Parlami di te, che cosa fai nella vita?

  • DIRE DI sé, me, te…

-Dimmi di te, che cosa fai nella vita?

  • RACCONTARE DI sé, me, te…

-Raccontami di te, che cosa fai nella vita?

  • PARLARE DI QUALCUNO \ QUALCOSA

-Parlano sempre si noi

-Parlano della partita della scorsa settimana

  • RACCONTARE DI QUALCUNO

-Raccontano di Gianni, dicono che si sia trasferito in Puglia

  • PARLARE DI QUALCOSA CHE è SUCCESSO

-Abbiamo parlato di quella volta che ci siamo persi a Roma

  • RACCONTARE DI QUALCOSA CHE è SUCCESSO

-Abbiamo raccontato di quella volta che ci siamo persi a Roma


ATTENZIONE!

Non usare mai il verbo DIRE con espressioni di questo tipo:

  • Dire una storia
  • Parlare una storia

 


PRATICHIAMO!

This quiz is for logged in users only.



 

 

+ italiano: verità e bugia

Ciao!

In questa lezione arricchiamo il nostro vocabolario: verità e bugie


Laboratorio linguistico…

  • DIRE LE BUGIE PER CATTIVERIA
  • DIRE LE BUGIE
  • INVENTARE LE BUGIE
  • INCASTRARE QUALCUNO
  • INFANGARE QUALCUNO
  • ESSERE ARRABBIATO
  • NON ESSERE IN BUONE MANI
  • BRUTTA REPUTAZIONE \ BRUTTA FAMA
  • ESSERE IL COLPEVOLE
  • ESSERE INNOCENTE

 


 

+ italiano: attenzione alle scadenze

 

 

  • PAGARE LA BOLLETTA
  • PAGAMENTI
  • EFFETTUARE IL PAGAMENTO
  • ADDEBITO SUL CONTO CORRENTE BANCARIO
  • SCADENZA
  • ESSERE SCADUTO
  • MORA
  • PAGARE LE TASSE
  • PAGARE LE BOLLETTE
  • RICEVERE UN SOLLECITO DI PAGAMENTO
  • ESSERE IN RITARDO CON I PAGAMENTI
  • BOLLETTE DA PAGARE
  • BOLLETTA SALATA = molto cara (esiste anche la versione CONTO SALATO)

ESSERE IN BOLLETTA = Il modo di dire “essere in bolletta” vuol dire essere al verde, non aver più neanche un soldo

ESSERE AL VERDE = essere senza soldi

ATTACCARSI AL TELEFONO = è un modo di dire di uso colloquiale. Quando qualcuno usa il telefono in modo sproporzionato


 

ESPRESSIONI NUOVE

ESSERE IN BOLLETTA = Il modo di dire “essere in bolletta” vuol dire essere al verde, non aver più neanche un soldo

ESSERE AL VERDE = essere senza soldi

ATTACCARSI AL TELEFONO = è un modo di dire di uso colloquiale. Quando qualcuno usa il telefono in modo sproporzionato

LEGGI IL TESTO

Sollecito – Cos’è un sollecito?

Un sollecito è un documento con cui puoi ricordare al tuo cliente di saldare la fattura da te emessa.

Un sollecito è un documento formale che ti permette di richiedere al tuo cliente in modo professionale di pagare una fattura la cui scadenza è stata superata.

In questo modo cerchi di recuperare un credito prima che questo diventi insoluto a causa di mancato pagamento.

Struttura di un sollecito

Lo scopo del sollecito è quello di ottenere il pagamento per il lavoro effettuato o il bene venduto.

Per questa ragione è necessario riportare tutti i dati della fattura da saldare. Il documento dovrà quindi fare riferimento alla fattura emessa e includere:

  • il numero della fattura in sospeso
  • i tuoi dati e quelli del cliente
  • la data di scadenza
  • l’eventuale penale per il ritardo sul pagamento
  • la descrizione dei beni ceduti o servizi prestati
  • l’imponibile, l’imposta applicata e il totale

 


 

This quiz is for logged in users only.


+ italiano: che cosa guardi in tv?

A: guardi la tv?

B: sì…

A: che cosa guardi in generale?

B: il telegiornale e programmi spazzatura

A: ti piacciono i programmi spazzatura?

B: sì, assolutamente sì…

A: no! non l’avrei mai pensato, io non guardo mai i programmi spazzatura, sono diseducativi, stupidi, noiosi…

B: io li guardo proprio per questo motivo. La vita è piena di problemi, complicata… la sera quando rientro a casa ho bisogno di non pensare a niente, di rilassarmi, di ridere… ecco! La tv spazzatura per me serve proprio a questo…

A: e che programmi guardi?

B: su LA7 guardo le repliche di “Uomini e donne”, oppure il venerdì notte guardo “Il grande fratello”

A: Oh mio Dio! Sono programmi che io non sopporto, io non guardo mai la tv, preferisco guardare un bel film oppure qualche programma culturale … pago l’abbonamento della tv privata…

B: guarda che i programmi culturali esistono anche nella tv commerciale, non c’è bisogno di pagare un abbonamento…

A: io preferisco pagare, nella tv privata c’è più scelta, ci sono molti più canali per tutta la famiglia

Il fenomeno della TV  spazzatura

La società in cui viviamo si allontana ogni giorno di più dai sani valori di un tempo. Esempio eclatante del degrado della nostra società sono i reality show che spopolano nelle emittenti televisive: si passa da ragazzi sconosciuti ai più che vengono selezionati tra la gente comune, i quali si accapigliano per interi mesi in una casa da favola piena di comfort per chi è più bello o ha la storia sentimentale finta più vera, a personaggi ormai ai margini del mondo dello spettacolo, che si fingono naufraghi su di un’isola, pur di apparire ancora sul piccolo schermo e si “guadagnano” il monte premi, fingendo di vivere come naufraghi. Quello che ancor di più rattrista, ma che allo stesso tempo fa arrabbiare è che questi personaggi diventano idoli indiscussi dei ragazzi che passano intere serate a tele votare chi secondo loro è più meritevole di vincere migliaia di euro, pur non facendo assolutamente nulla. Usata in questo modo la televisione diventa un’arma pericolosissima nelle mani di persone senza scrupoli che farebbero di tutto pur di ottenere due punti di share in più a serata. C’è da aggiungere però che, oltre al dilagare incessante della tv spazzatura, ci sono pochi personaggi e programmi per cui vale ancora la pena trascorrere qualche ora sul divano del salotto. Bisognerebbe rincominciare da personaggi come Fiorello, il miglior show man in Italia, capace di intrattenere per più di due ore 10 milioni di persone davanti allo schermo, parlando di problemi vari dalla politica ai giovani, intervallando tutto con momenti di musica. Altro esempio da cui ripartire è Enrico Brignano che durante i dieci minuti del monologo del mercoledì sera mette in forte imbarazzo la classe politica del nostro paese, per poi essere censurato già dal mattino dopo sul web. È importante per i giovani interagire di più con i coetanei, confrontarsi ed esprimere le proprie idee, non consumare una ricarica ogni sera per votare il “miglior concorrente” di qualche insulso reality.

  • GUARDARE LA TV

-La sera guardo la tv dalle 7 alle 11

  • SEGUIRE UN PROGRAMMA

-Seguo un programma televisivo di cultura che va in onda alle 7

ANDARE IN ONDA = ESSERE TRASMESSO

-La mia serie tv preferita va in onda alle 9 tutti i venerdì

-Il mio programma televisivo preferito viene trasmesso alle 11 del mattino su un canale straniero

  • ESSERE IL CANALE PREFERITO

-Il mio canale preferito è RAI 1, trasmettono molti programmi culturali e delle trasmissioni per bambini davvero interessanti

  • REPLICA = ripetizione

-Il mio programma preferito va in onda alle 7 del mattino, ma io a quell’ora lavoro, per fortuna trasmettono la replica il giorno dopo alle 10 di sera, così io guardo la replica

DOMANDE UTILI…

  • CHE COSA GUARDI IN TV?
  • QUAL È IL TUO PROGRAMMA PREFERITO?
  • A CHE ORA TRASMETTONO IL TUO PROGRAMMA IN TV?
  • CHE PROGRAMMI\PROGRAMMA SEGUI?
  • A CHE CANALE È? ( per chiedere qual è il canale in cui viene trasmesso il programma che guardi)

This quiz is for logged in users only.



 

+ italiano: pronto? chi parla?

Ciao!

In questa lezione impareremo a rispondere al telefono:

  • nelle situazioni formali
  • nelle situazioni informali

 

 

Come gestire una telefonata, qualche consiglio utile.

 

  • RISPONDERE AL TELEFONO
  • PARLARE AL TELEFONO
  • TELEFONARE A QUALCUNO
  • IL TELEFONO SQUILLA
  • RIAGGANCIARE ⇒ CHIUDERE IL TELEFONO ⇒ CHIUDERE LA CHIAMATA
  • LA CHIAMATA ESSERE DISTURBATA
  • LA CHIAMATA ESSERE STATA INTERROTA

 

SCRIPT DI CHIAMATA FORMALE

A: pronto?

B: buongiorno, famiglia Rossi?

A: sì buongiorno, con chi parlo?

B: sono Laura, vorrei parlare con Maria…

(sono Laura, è possibile parlare con Maria?)

A: sì un attimo che glielo passo ⇒ al telefono usiamo il verbo passare

-in questo momento è occupata, potrebbe chiamare più tardi?

-mi dispiace, in questo momento non è in casa, provi a chiamare più tardi

B: va bene, grazie, buona giornata!

A: grazie, anche a lei.


 

SCRIPT DI CHIAMATA INFORMALE

In base alla confidenza che abbiamo con la persona, possiamo impostare la telefonata in diversi modi, qui ne vediamo alcuni…

A: pronto?

B: ciao Luisa, sono Stefano

A: ciao Stefano, come stai?

B: bene grazie, vorrei parlare con tuo marito

A: in questo momento non c’è, mi dispiace, chiama più tardi

sì, aspetta un attimo che te lo passo

B: okay, va bene, senti digli che ho telefonato per invitarlo alla festa del mio compleanno, gli telefonerò più tardi, okay?

A: va bene, ciao Stefano

B: ciao Luisa

ASCOLTA QUESTE DUE TELEFONATE, POI RISPONDI ALLE DOMANDE

This quiz is for logged in users only.


+ italiano: ANDIAMO AL CINEMA

ANDIAMO AL CINEMA

IL CINEMA

LO SCHERMO

Al cinema c’è un grande schermo

LA SALA

Stasera guarderemo un film nella sala 1

LA POLTRONA

Al cinema ci sono delle poltrone molto comode

PROIETTARE

Stasera proiettano un bel film, andiamo al cinema?

COSE DA FARE AL CINEMA

VEDERE

Ieri abbiamo visto un bel film

VIETATO PARLARE

Al cinema non si può parlare

VIETATO FUMARE

Al cinema è viatato fumare

SGRANOCCHIARE

Mentre guardiamo un film possiamo sgranocchiare qualcosa

(mangiare)

PRENOTARE I BIGLIETTI

Ho prenotato due biglietti per il cinema

COMPRARE I BIGLIETTI

Ho comprato due biglietti per il cinema

(anche PRENDERE: Ho preso due biglietti per il cinema)

RISERVARE IL POSTO

Abbiamo riservato due posti al cinema

SPETTACOLO

Lo spettacolo inizia alle 20:00

(Lo spettacolo è la proiezione del film)

IL REGISTA

Il regista gira il film

VINCERE L'OSCAR

“La vita è bella” ha vinto l’Oscar nel 1999

AVER GIRATO UN BEL FILM

Federico fellini ha girato un bel film

ESSERE UN BUON \ GRAN REGISTA

Roberto Benigni è un gran regista

GIRARE UN FILM

Hanno girato un film nel 1999

L’ATTORE

L’attore interpreta un personaggio \\ interpreta una parte

ESSERE UN BUON ATTORE

Marcello Mastroianni è un buon attore

INTERPRETARE UNA PARTE

Nel film “La vita è bella” Benigni interpreta la parte di Guido Orefice, un uomo italiano di origine ebraica

UN ATTORE DA OSCAR

Roberto Benigni è un attore da Oscar

NON ESSERE UN BUON ATTORE

Non è un buon attore, non interpreta bene la parte

Ti piace andare al cinema?

PICERE

Sì, mi piace molto, vado tutti i fine settimana

NO \ PIACERE

No, non mi piace, non vado mai

GUARDARE I FILM SU NETFLIX

Guardo i film su Netflix

GUARDO I FILM IN STREAMING

Generalmente non vado al cinema, guardo i film in streaming

Qual è il tuo genere preferito?

DRAMMATICO

Mi piacciono i film drammatici

AZIONE

Mi piacciono i film d’azione

COMICO

Mi piacciono i film comici

AVVENTURA

Mi piacciono i film d’avventura

BIOGRAFICO

Mi piacciono i film biografici

AVVENTURA

Mi piacciono i film d’avventura

WESTERN

Mi piacciono i film western

THRILLER

Mi piacciono i thriller

Espressioni

ESSERE DI MODA\ESSERE DI TENDENZA \ ANDARE DI MODA

In Italia andare al cinema non è di moda, l’ultima tendenza è vedere i film a casa su Netflix

ESSERE FUORI MODA

Andare al cinema è fuori moda

ESSERE STATO GIRATO

Il film “La Ciociara è stato girato nel 1960

INTERPRETARE

De Sica è un attore che mi piace molto, interpreta molto bene le parti

GIRARE UN FILM

Vittorio de Sica e Cesare Zavattini hanno girare il film “La Ciociara”

ESSERE DIRETTO DA

Il film è diretto da Vittorio De Sica (il regista dirige il film)

CALARSI NELLA PARTE

De Sica è un grande attore, si cala bene nella parte

Pratichiamo!

CINEMA

Name Email
Nel tuo paese va di moda andare al cinema?
La commedia all'italiana
Il cinema d'autore è un cinema
Il cinema politico risale agli anni
Il genere poliziesco fa parte del
Il cinema oggi è stato sostituito da
Com'era il cinema sotto il fascismo?
Sotto il regime fascista vennero prodotti
Il neorealismo si realizza

+ letteratura: Pirandello

Luigi Pirandello nasce il 28 giugno del 1867 a Girgenti, l’odierna Agrigento: anche se il padre, di tradizione risorgimentale e di media estrazione sociale, lo avvia agli studi tecnici, il giovane Luigi si iscriverà alla Facoltà di Lettere, prima a Palermo, poi, dal 1887, a Roma. Muore il 10 dicembre 1936 a Roma.

rilevante = importante

-Questo argomento è molto importante per me

ruotare intorno al tema = girare intorno a qualcosa

-L’0pera gira intorno al tema dell’amore

intrinseco = che appartiene alla cosa in sé, che fa parte della natura di qualcosa

-I limiti intrinseci della vita di mattia = i limiti caratteristici della vita di Mattia

tocco umoristico = stile umoristico (ma anche di altro, per esempio: un tocco di allegria, un tocco di classe)

-Le lezioni di Daniela hanno un tocco umoristico.

arcigno \ essere arcigno = duro, severo

La suocera di Mattia Pascal era una donna arcigna.

This quiz is for logged in users only.


+ italiano: che cosa mi racconti?

IL CIUCCIO

IL BIBERON

IL PANNOLINO

IL PUPO \ IL NEONATO

ESSERE INCINTA

LA CARROZZINA

This quiz is for logged in users only.


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.