fbpx
Seleziona una pagina

 

CIAO!

In questa lezione impareremo a formare il participio passato e concordarlo quando necessario.


Formazione del participio passato

Con i verbi regolari il participio passato si forma sostituendo le desinenze dell’infinito (are-ere-ire) con quelle del participio passato atoutoito.

CONIUGAZIONE 1°-ARE

amare

2°-ERE

contenere

3°-IRE

agire

PARTICIPIO PASSATO amato contenuto agito

Concordanza del participio passato

Con l’ausiliare ESSERE la concordanza è obbligatoria

CONCORDANZA FACOLTATIVA

Con i verbi riflessivi pronominali concorda o con il SOGGETTO o CON l’OGGETTO

Carlo si è mangiatO una mela = concorda con il soggetto

Carlo si è mangiatA una melA = concorda con l’oggetto diretto – questa forma nel’italiano corrente non è MAI USATA

 

Con i verbi riflessivi pronominali concorda con i PRONOMI OGGETTO DIRETTO

Paola se l’è mangiatO (il gelato)

Paola se li è mangiatI (i biscotti)

 

Con i verbi riflessivi pronominali, la concordanza del participio passato con il NE partitivo è facoltativa ma PREFERIBILE

 

Carla se ne è mangiatI molti (di biscotti)

Paola se ne è mangiatA molti (di biscotti)


CON L’AUSILIARE AVERE

Non c’è accordo con il SOGGETTO (desinenza neutra –o)

Paola ha mangiatO

Luca ha dormitO

Luca e Paola hanno pranzatO insieme

 

La concordanza con l’OGGETTO DIRETTO è possibile ma NON COMUNE

Carla ha scrittA una lettera (forma possibile ma non diffusa)

Carla ha scrittO una lettera (forma possibile e usata)

 

La concordanza con i PRONOMI OGGETTO DIRETTO

Paola l’ha scrittA (la lettera)

Giulia l’ha cantatA (la canzone)

 

L’accordo con il NE PARTITIVO è FACOLTATIVO, ma preferito

Carla ne ha mangiatA una (di mela)

 

 

 

 

PRATICHIAMO!

PARTICIPIO PASSATO

Name Email Phone Number
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.