fbpx

LITALIANOACASATUA.COM

AGGETTIVI E PRONOMI INTERROGATIVI
AGGETTIVI E PRONOMI INTERROGATIVI

AGGETTIVI INTERROGATIVI

Gli aggettivi precedono sempre un nome e concordano con esso nel genere (maschile-femminile) e nel numero ( plurale-singolare), per esempio:

  • Quanti anni hai?
  • Quante ore ci vogliono?

Gli aggettivi interrogativi possono avere anche il valore di pronomi.

pronomi interrogativi

I pronomi, invece, sostituiscono il nome, per esempio:

  • Chi è quella ragazza?

Gli aggettivi e i pronomi interrogativi servono a fare una domanda, diretta o indiretta, sulla qualità, la quantità o l’identità del nome a cui si riferiscono:                                      

maschile femminile maschile femminile

qualità

identità

che che che che

qualità

identità

quale quale quali quali

quantità

quanto quanta quanti quante

identità

chi chi chi chi

 

CHE: non cambia nel genere (maschile-femminile) e nel numero (plurale-singolare). Come aggettivo equivale a quale, ma è più comune nella lingua parlata, per esempio:

  • Che ora è?;
  • Non so che pizza mangiare.

Come pronome si usa solo in riferimento a cose (per le persone si usa chi) per esempio:

  • Che fai?;
  • Che dici?;
  • A che pensi?.

Per esprimere il pronome interrogativo riferito a cose, l’italiano ha a disposizione tre possibilità equivalenti tra di loro: che; che cosa; cosa.

Per esempio:

  • Che fai?
  • Che cosa fai?
  • Cosa fai?

QUALE: si usa per formulare domande sulla qualità (quali progetti hai?); o sull’ identità (in quale bar vuoi andare?), è uguale per il maschile e il femminile, ma cambia nel plurale (quali).

Nella lingua scritta è meglio usare quale e non che. È possibile trovare la forma qual davanti a vocale (qual è?) e a volte anche davanti a consonante (qual buon vento).


QUANTO: serve a fare domande relative alla quantità, varia nel genere e nel numero, per esempio:

  • Quanta pasta cuciniamo?;
  • Quante persone hai invitato?;
  • Quanto zucchero ci vuole?;
  • Quanti giorni avete di vacanza?.

CHI: si usa esclusivamente per indicare persone o esseri animati, è uguale per il maschile e femminile e anche per il singolare e il plurale.

Può essere usato come soggetto (chi ha guidato?), complemento oggetto (dimmi chi ha guidato) o complemento indiretto (con chi sei andato?).


ATTENZIONE!

Tutti gli aggettivi e i pronomi interrogativi possono essere usati anche con valore esclamativo, per esempio:

  • Che bello!;
  • Quanta gente!;
  • Quale onore!
  • chi lo dici!

Attenzione!

Che o quale?

Quando hanno la funzione di aggettivi ➔interrogativi, sia che, sia (il) quale sono forme corrette.

Oggi nelle proposizioni ➔interrogative dirette, l’uso di che è forse più frequente rispetto a quello di quale, ma sono entrambi usati allo stesso modo:

  • Che libro stai leggendo?
  • Quale libro stai leggendo?

Nelle ➔interrogative indirette, i due aggettivi sembrano essere usati più o meno con la stessa frequenza:

Mi piacerebbe sapere che sogni fai.

Vorrei sapere quali sogni fai.

ATTENZIONE!

Chi o che?

CHI = si usa per l’identità

Chi è Paolo?

Di chi è questa penna?

Chi ha telefonato?

CHE = quando è pronome si usa solo per le cose

Che cosa hai fatto?

Che cosa è quello?

PRATICHIAMO!

Welcome to your AGGETTIVI E PRONOMI INTERROGATIVI

SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA!
SELEZIONA LA RISPOSTA CORRETTA

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Share This