fbpx

 

CIAO!

In questa lezione impareremo:

  • I comparativi degli aggettivi qualificativi: maggioranza, minoranza, uguaglianza

Risultati immagini per dante e petrarca

Petrarca è uno dei più grandi scrittori della letteratura italiana

Gli aggettivi qualificativi presentano un grado comparativoche stabilisce un confronto tra due o più termini.

Il grado comparativo può essere:

⇒di maggioranza: Luca è più intelligente di Francesco.

⇒di minoranza: Marco è meno sicuro di Giulia.

⇒di uguaglianza: Luca è giovane come Roberto.

 

 

 

COMPARATIVI

di maggioranza PIÙ + aggettivo + DI o CHE + nome
di minoranza MENO + aggettivo + DI o CHE + nome
di ugualianza aggettivo + COME + nome

 Il comparativo di maggioranza si ottiene facendo precedere l’aggettivo dall’avverbio PIÙ, per esempio:

più alto

più giovane

più serio

più bravo

Il secondo termine di paragone è introdotto da DI quando:

– è  un nome o un pronome NON preceduti da una preposizione:

Francesca è più alta diVeronica (nome);

Lidia è più alta di me (pronome).

– è costituito da un avverbio:

Serena è più alta di prima (avverbio).


Il secondo termine di paragone è introdotto da CHE quando:

– è un nome o un pronomepreceduto da una preposizione: Celeste è più gentile con Marta che con me;

Beatrice è più affezionato a te che a me.

– si paragonano avverbi o verbi:

Luca mi piace piùorache prima;

mi piace più cucinareche mangiare.

– si mettono a confronto due aggettivi riferiti allo stesso nome:

Francesco è più furbo che onesto;

Giulia è più simpatica che bella.


Il comparativo di minoranza si forma facendo precedere l’aggettivo dall’avverbio MENO, per esempio:

meno alto

meno gentile

meno bello

Il secondo termine di paragone è introdotto dalla preposizione DI o da CHE con le stesse regole che valgono per il comparativo di maggioranza:

Nadia è meno alta di Silvia;

Maria è meno gentile di te;

Francesco è meno timido ora che prima;

Paolo è meno gentile con me che con te.


Nel comparativo di ugualianza l’aggettivo non è preceduto da avverbi e il secondo termine di paragone è introdotto da COME o QUANTO:

Cinzia è alta come Luca;

Natalia è magra come me;

Marta è alta quanto Luca;

Amina e Nadia sono alte quanto noi.

A volte l’aggettivo può essere preceduto da TANTO se nel secondo termine di paragone si usa QUANTO:

Marco è tanto timido quanto Luca;

i tuoi compagni sono tanto studiosi quanto i miei.

Oppure l’aggettivo può essere preceduto da COSÌ se nel secondo termine di paragone si usa COME:

Marta è così studiosa come Natalia;

voi siete così giovani come noi.


ATTENZIONE!

I comparativi non si usano con:

migliore, meglio

peggiore, peggio

Il più migliore

Il più peggiore

Il più meglio

Il più peggio

SONO ESPRESSIONI CHE NON ESISTONO

 


Pratichiamo!

il comparativo degli aggettivi qualificativi

Name Email
 

Leggi il testo

"La più brava della classe"

 

Francesca è la più brava della classe. È una ragazza intelligente, la più intelligente, perché oltre ad essere brava ha anche molti valori e molte doti naturali: è tenace e determinata.

I suoi compagni di classe si rivolgono sempre a lei quando hanno bisogni di chiarimenti su alcuni argomenti. lei è la migliore in tutte le materie: storia, geografia, scienze, matematica, letteratura e arte.

Le sue compagne sono meno brave di lei e sono un po' invidiose, mentre i suoi compagni che  sono sempre meno bravi di lei, la stimano molto.

 


 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Share This