fbpx

IL PRESENTE STORICO

Si parla di presente storico quando, per raccontare fatti precedenti al momento in cui si parla o si scrive, si ricorre al ➔presente indicativo invece che a un tempo passato.

Si tratta di un uso traslato, o metaforico, del presente (Bertinetto 1997), che viene impiegato al di fuori della sua funzione primaria e centrale di esprimere la contemporaneità o la prossimità all’enunciazione. L’effetto è quello di un avvicinamento prospettico e di un’attualizzazione degli eventi narrati, che pur appartenendo al passato vengono presentati come se fossero appunto contemporanei o prossimi all’enunciazione.

Usiamo il presente storico per:

  • Biografie di autori, scrittori, pittori ecc
  • Raccontare fatti accaduti nel passato per renderli più vivi al nostro interlocutore

Guarda questi esempi:

  • AL PRESENTE STORICO: Quando arriviamo alla stazione sai che succede? Il treno è già partito, allora aspettiamo.
  • AL PASSATO: Quando arrivammo alla stazione il treno era già partito, allora aspettammo due ore.
  • AL PASSATO: Quando siamo arrivati alla stazione il treno era già partito, allora abbiamo aspettato due ore.

Leggi il testo…

GIOTTO

Ritratto di Giotto, anonimo del XVI secolo, Louvre Fonte: Wikipedia

Secondo la maggioranza degli esperti Giotto nasce nel 1267. Tale ricostruzione si basa sulla verseggiatura che Pucci fa della “Cronica” di Giovanni Villani ed è piuttosto attendibile, salvo spostare la data di uno o due anni. Una minoranza della critica tende a porre la sua data di nascita nel 1276, secondo la cronologia che nella seconda metà del XVI secolo offre Vasari nella biografia dedicata all’artista.

Nasce a Colle di Vespignano, in quello che attualmente è il Comune di Vicchio nel Mugello da una famiglia di contadini (Bondone era appunto il padre), famiglia che, come molte altre, si trasferisce a Firenze. Secondo la tradizione letteraria, finora non confermata dai documenti, la famiglia affida il figlio alla bottega di Cimabue.

Giotto si sposa verso il 1287 con Ciuta (Ricevuta) di Lapo del Pela. Hanno quattro figlie e quattro figli, dei quali uno, Francesco, diventa pittore. La prima volta che Giotto è ufficialmente nominato è in un documento recante la data 1309, nel quale si registra che Palmerino di Guido restituisce in Assisi un prestito a nome suo e del pittore.

Giotto apre una bottega dove circondato da alunni si occupa di progettare le opere e di impostare le composizioni più importanti mentre agli alunni lascia quelle secondarie.

Sono davvero tante le opere di Giotto, qui presentiamo Stigmate di San Francesco:

Risultati immagini per stigmate di san francesco giotto

Le Stigmate di san Francesco è un dipinto tempera e oro su tavola (313×163 cm) di Giotto, eseguito per la chiesa di San Francesco di Pisa e conservato nel Louvre di Parigi. È firmata “Opus Jocti Florentini”.

La tavola cuspidata con fondo oro mostra nella scena principale san Francesco che riceve le stimmate durante la preghiera sul Monte Alverno, da Cristo volante che gli appare in forma di serafino, con le ferite che emettono raggi di luce che vanno a colpire le rispettive zone del corpo di Francesco. Spicca per monumentalità la figura del santo, con un inserimento nello spazio ben calibrato anche in profondità, come le figure del Polittico di Badia.

La scelta di rappresentare un momento di azione come soggetto principale, per quanto si tratti di un episodio centrale nella vita del santo, è una novità rispetto alla tradizione di derivazione bizantina che vuole figure ieratiche e frontali al centro dei dipinti (si vedano le opere di Bonaventura Berlinghieri o del maestro del San Francesco Bardi).

Lo sfondo mostra gli sforzi di collocare realisticamente la scena nello spazio, sebbene vi si ritrovino alcuni convenzioni bizantine, come le montagne scheggiate e gli elementi paesaggistici rimpiccoliti. Nelle cappelle del monte si notano i tentativi di costruire gli edifici in prospettiva. Il forte chiaroscuro sul volto di Francesco dona intensità espressiva e ne modella il volume.

Agli angoli destro e sinistro mostra lo stemma della famiglia Ughi o Cinquini.


Pratichiamo!

PRESENTE STORICO

Name Email
Giotto nasce nel 1267  equivale a:
Giotto si sposa verso il 1287 ecquivale a:
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Mentre mia madre mangiava io sistemavo la mia stanza
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Io guidavo e lei cantava
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Quando sono nato, lei sprizzava di gioia
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Loro dipingevano e io guardavo stupito
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Lei scriveva una poesia e io finivo i compiti di matematica
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Mentre lei correva felice, io la guardavo
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Noi giocavamo nelle strada e lei ci guardava
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Pascoli nacque nel 1855
Trasforma la seguente frase al presente storico:

Io ho parlato al telefono con mia madre e lei ha preparato la cena

 

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Share This